Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Il vero Matthew McConaughey, quello di Killer Joe

  • Scritto da Orazio Martino
killer joe In questi ultimi mesi non si fa altro che parlare di Matthew McConaughey come dell'attore più in forma del momento.

"Dallas Buyers Club" e "True Detective" sono due ottimi prodotti, non c'è che dire. Nel primo viene raccontata la storia di Ron Woodroof, un cowboy omofobo che iniziò a trafficare farmaci illegali nell'America tartassata dall'AIDS di fine anni ottanta. Nel secondo, o meglio nella seconda (si tratta di una serie tv), protagonisti induscussi sono lo stesso McConaughey (in un ruolo più allucinato che mai) e un Woody Harrelson in stato di grazia. Tanto di cappello anche qui.

Ma per incrociare il vero Matthew McConaughey dobbiamo tornare indietro di un paio d'anni, precisamente al 2011, quando una delle pellicole più degenerate di tutti i tempi faceva irruzione nelle sale mondiali. "Killer Joe" ragazzi! Se non l'avete ancora vista, vergonatevi prima e recuperatela poi.

Alla regia c'è il maestro William Friedkin (quello de "L'Esorcista", mica pizza e fichi), che affianca al 44enne candidato all'Oscar le giovane musa Juno Temple (figlia del grande Julien), Emile Hirsch (il Chris McCandless di "Into The Wild"), Thomas Haden Church (grande protagonista di "Sideways" in coppia con Paul Giamatti) e Gina Gershon ("Face /Off", "Palmetto", "Insider").

I primi aggettivi che mi vengono in mente pensando a questo film sono grottesco, depravato e disturbante. Matthew McConaughey è l'imprevedibile Killer Joe, un poliziotto che arrotonda il proprio stipendio facendo il sicario. Il capolavoro assoluto è la sequenza che vi presentiamo qui di seguito, roba che manco nei migliori torture porn!

D'ora in poi, mangiare pollo fritto non sarà più la stessa cosa. Reggetevi forte, e buona visione!