Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Pier Paolo Pasolini: frasi celebri e citazioni

  • Scritto da Anita Magnani
pier paolo pasolini

Un nome che non ha bisogno di presentazioni. Un intellettuale citato quasi sempre a sproposito e mai compreso fino in fondo, perché troppo prolifico, troppo polimorfico, troppo lucido e lungimirante.

Più contemporaneo dei contemporanei, Pasolini ancora oggi è in grado di farci vedere cose che non riusciamo a interpretare fino in fondo. Ogni sua parola ha il potere di muovere continenti.

Quelle raccolte qui di seguito sono solo alcune tra le citazioni che hanno reso Pier Paolo Pasolini tanto famoso e da essere considerato pericoloso (o forse è diventato famoso proprio perché considerato pericoloso?). Ma, per fortuna, e ce lo ricorda Lucio Dalla, “il pensiero non lo puoi bloccare, non lo puoi recintare”.

Buona (ri)scoperta e buona lettura!


Scritti Corsari, 1975

“In una società dove tutto è proibito, si può fare tutto: in una società dove è permesso qualcosa si può fare solo quel qualcosa.”

“Il potere ha avuto bisogno di un tipo diverso di suddito, che fosse prima di tutto un consumatore.”

“Non esiste razionalità senza senso comune e concretezza. Senza senso comune e concretezza la razionalità è fanatismo.”

“Ciò che si vive esistenzialmente è sempre enormemente più avanzato di ciò che si vive consapevolmente.”

“L’uomo medio di oggi può interiorizzare una Seicento o un frigorifero, oppure un week-end a Ostia.”

“Noi siamo un paese senza memoria. Il che equivale a dire senza storia.”

"Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia."



Lettere luterane, 1976 (postumo)  

“I primi ricordi della vita sono ricordi visivi. La vita, nel ricordo, diventa un film muto.”

“La droga è sempre un surrogato. E precisamente un surrogato della cultura”

“Chi si scandalizza è sempre banale: ma, aggiungo, è anche sempre male informato.”



Intervista di Enzo Biagi, Rai, 1971

“Il successo non è niente. Il successo è l'altra faccia della persecuzione.”


Ricordiamo anche alcuni brani tratti da poesie, saggi e interviste, riproposti dal bellissimo film-documentario del 2005 “La voce di Pasolini”, diretto da Mario Sesti e Matteo Cerami, e con la voce fuori campo di Toni Servillo.