Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

I cimiteri da visitare prima di morire

  • Scritto da Marco Tonelli
cimiteri da vedere “Let's Talk of Worms, Graves and Ephitaph” (William Shakespeare – Riccardo II)

Non c'è bisogno di scomodare il buon vecchio William. Lo sappiamo tutti, l'unica cosa certa della nostra vita è che i vermi, le tombe e gli epitaffi sono lì ad aspettarci. La morte arriva per tutti, e quei luoghi imponenti, pieni zeppi di pietre, silenzio e soprattutto polvere, non fanno altro che ricordarcelo.

Ma i cimiteri non sono solo il mucchio di terra in cui depositare le nostre spoglie mortali, sono anche il luogo per celebrare la presenza dell'uomo su questa terra. E se il potere, la follia, il disordine e la guerra sono il nostro pane quotidiano, perchè non rimembrarlo alle generazioni future con edifici assurdi e inquietanti?

Ma non solo, il camposanto è anche il luogo della malinconia, della solitudine e del dolore. Inutile ripeterlo, alcune delle emozioni più gravide di frutti per l'ispirazione artistica dell'essere umano. Insomma, diciamola tutta: per un motivo o per un altro la “casa dell'eterno riposo” possiede un fascino unico e indescrivibile.

Che si tratti di Londra o Parigi, degli Stati Uniti, del Messico e del fenomenale “cimitero allegro” di Sapanta in Romania, noi Osservatori Esterni vi invitiamo a sostare per il tempo di un click in alcuni tra i luoghi più immaginifici del pianeta. Buttate via i fiori e aprite gli occhi. Buon viaggio!