Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Come scrivere bene secondo Cechov

  • Scritto da Anita Magnani
anton cechov consigli scrittura
anton-cechov - anton cechov consigli scrittura


Ecco l’ennesimo prontuario di scrittura creativa, penserete dal titolo. E ve ne dò atto, ormai ci sono più consigli inutili su come scrivere bene che aspiranti scrittori. No, mi correggo, anche di aspiranti scrittori è saturo il web. E troppo spesso scrivono (e scriviamo, me compresa eh, sia chiaro!) a sproposito. Mandiamo un messaggio su WhatsApp ed ecco che siamo il nuovo Ernest Hemingway.

Per fortuna ci pensa Anton Čechov a rimetterci in riga, in questo “Né per fama, né per denaro. Consigli di scrittura e di vita”. Qui si parla di vera letteratura e di vera scrittura, di quelle cose che ti fanno sudare e sputare sangue mentre le fai. Quindi giù la maschera e basta con le frasi a caso: tutto quello che serve per scrivere con onestà sta in novantanove consigli di scrittura.

Non potendoli riportare tutti e novantanove, troverete di seguito i più significativi.
Buon esercizio!


1. Scrivi per il lettore Basta essere più onesti
Buttare se stessi a mare sempre e dovunque, non intrufolarsi nei protagonisti del proprio romanzo, rinnegare se stessi, non fosse che per mezz'ora.

2. Scrivi senza trama e senza finale
Prendi qualcosa dalla vita reale, d’ogni giorno, senza trama e senza finale.

3. Ricama più che puoi
Scrivete un romanzo. Scrivetelo per un anno intero, poi abbreviatelo per mezz’anno, e poi pubblicate.

4. Sii breve e suda
La brevità è sorella del talento Quanto più sarai breve, tanto più sovente ti pubblicheranno. Ma l’essenziale è questo: sta all’erta, vigila e suda, riscrivi anche cinque volte il medesimo racconto.

5. Sii testimone, non giudice
L’artista non dev’essere il giudice dei suoi personaggi né di ciò che essi dicono, ma solamente un testimone spassionato.

6. Cinque o sei giorni
Per scrivere un racconto ci vogliono cinque o sei giorni e dovete pensarci tutto il tempo, altrimenti non vi foggerete mai uno stile. Prima d’esser messo sulla carta, ogni frase deve restarvi in testa un paio di giorni per rimpolparsi.

7. Le descrizioni della natura debbono essere brevi.
Bisogna attaccarsi ai piccoli particolari e raggrupparli in modo che il lettore, chiudendo gli occhi, veda il quadro davanti a sé.

8. Non descrivere lo stato d’animo dei personaggi
Fai in modo che scaturisca dalle loro azioni.

9. Non esagerare con i dettagli
Anche se molto interessanti, i dettagli, affaticano l’attenzione.

10. Concentrati su pochi personaggi
È un errore voler mettere in scena un gran numero di personaggi. Meglio mettere al centro due figure principali.

11. Scrivi freddamente
Quanto più la situazione è sentimentale, tanto più freddamente occorre scrivere, e tanto più sentimentale riesce.

12. Non dare lezioni
Ricordati di scrivere, non predicare.

13. Non temere di apparire sciocco
Per scrivere ci vuole spregiudicatezza, ma è spregiudicato solo colui che non ha paura di scrivere sciocchezze.

14. Cancella, dov’è possibile, gli attributi e gli avverbi.
Tanti attributi stancano e disorientano il lettore. Quando scrivo: “l’uomo sedette sull’erba”, si capisce, perché è chiaro e non trattiene l’attenzione. Al contrario è poco comprensibile e un po’ pesante per il cervello se scrivo: “un uomo alto, dal petto incavato, di media statura, con la barbetta rossa sedette sull’erba verde, già calpestata dai passanti, sedette senza far rumore, timidamente, guardandosi attorno con timore”. Questo non entra subito nel cervello, mentre la letteratura deve entrarvi di colpo, in un baleno.

15. Abolisci le virgolette
Le virgolette sono usate da due categorie di scrittori: i timidi e gli sprovvisti d’ingegno. I primi si spaventano della loro audacia e originalità, gli altri (come Nefedov e in parte anche Boborykin) quando chiudono una parola fra virgolette vogliono dire con questo: “Guarda, lettore, che parola ardita, originale e nuova ho coniato!


Info libro:
“Né per fama, né per denaro. Consigli di scrittura e di vita”
BEAT edizioni
2015
208 pagine










Leggi anche:
Prontosoccorso per scrittori esordienti (Jack London)
Come scrivere con stile secondo Friedrich Nietzsche
Scrivere è un tic. I segreti degli scrittori (F. Piccolo)