Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Sons of Anarchy

sons of anarchy Lo ammetto in prima persona: ho iniziato a vedere "Sons of Anarchy" solo dopo la fine della terza stagione, quando un’amica drogata di serie tv (il fatto che lo sia diventato per colpa mia rende il circolo vizioso viziosissimo), mi dice “Bro’, guardala e non potrai farne più a meno”, facendomi vincere il pregiudizio che avevo sottopelle nei confronti delle bande di motociclisti, americani poi… notoriamente non dei compagni che conterebbero l’Internazionale col pugno chiuso alzato.

C’aveva ragione lei. Mi sono divorato le prime tre stagioni (13 episodi a botta) nel giro di una settimana e quei pochi mesi che mancavano all’inizio della quarta sono stati un’agonia di tensione. Un po’ come questi mesi, in attesa della quinta in programma per il prossimo settembre.

Il Sons of Anarchy Motorcicle Club Redwood Original è un club motociclistico fondato nel nord della California, da reduci del Vietnam, e che come facciata gestisce un’officina meccanica a Charming, ma in realtà traffica in armi, scontrandosi con le bande rivali di messicani (i Mayans), nazisti (i Nordics) e neri (i Niners).

Protagonista della serie è Jackson “Jax” Teller, vicepresidente del club, e figlio del defunto ex capo JT. La madre, Gemma, è sposata con l’attuale presidente dei SoA, Clay Morrow. Se un incrocio di parentele e cariche come questo non vi suona del tutto nuovo è perché Kurt Sutter, creatore e sceneggiatore della serie e interprete del personaggio di Otto, non ha mai fatto mistero di essersi ispirato all’Amleto di Shakespeare con Jax nei panni di un moderno principe di Danimarca, Gemma novella Gertrude e Clay, mefistofelico Claudio.

"Sons of Anarchy" ha la capacità, per merito delle diverse storyline che riesce sapientemente a portare avanti, e soprattutto grazie al contributo degli altri membri della gang, di offrire un ritratto collettivo di grande efficacia. Tutto ruota attorno all’insoddisfazione di Jax per questa vita, per il fatto di essersela scelta (fino ad un certo punto) e per vedere il club andare in una direzione opposta a quella che lui vorrebbe: sempre più criminale, tanto per essere chiari. Ad aumentare questo sentimento contribuisce, e non poco, un manoscritto di memorie del padre che Jax trova in garage.

"Sons of Anarchy" è soprattutto una serie sulle relazioni tra le persone, in un delicato equilibrio di forza, con i segreti, numerosi e pesanti, pronti a uscire per fare crollare e sconvolgere la situazione. A dispetto di quanto si possa pensare sono, oltre ai due protagonisti maschili Jax e Clay, le donne ad emergere maggiormente nel corso delle stagioni. Gemma, interpretata da una splendida e bravissima Katey Segal (moglie nelle realtà di Kurt Sutter), è una contemporanea Lady Macbeth, manipolatrice e, in alcune circostanze, vero deus ex machina delle vicende.

Contraltare positivo è Tara (Maggie Siff), amore d’infanzia di Jax che torna a Charming per lavorare come chirurgo all’ospedale e che, ripresa la relazione, tenterà in ogni modo di liberare il protagonista dal club.

Menzione d’onore anche per June Stahl, agente federale dell’ATF, incaricata di condurre le indagini a carico dei SoA per il traffico d’armi. Un villan così, donna per giunta, si è visto raramente in tv o al cinema. Bella, spietata, furba, intelligente e stronza come poche!

Tra inseguimenti in moto, sparatorie, film porno e collusioni con la polizia locale "Sons of Anarchy" è all’apparenza solo una serie tv d’azione; è invece molto di più: a pieno titolo una dei migliori drama degli ultimi anni. E quando dico drama non mi riferisco alla suddivisione da Award, ma proprio al termine originale, drammatico, quello da categoria cinematografica, quello in cui si ride poco) e si piange (un po’ di più), quello in cui si sta in ansia per i protagonisti (un sacco) e si prendono le parti dell’uno o dell’altra. "Sons of Anarchy" è una di quelle serie in cui si discute, si soffre e ci si alza in piedi sul divano!

Info:

Sons of Anarchy,

4 Stagioni, 53 episodi

 

Stagione 1 Episodio consigliato: 1x12 - The Sleep of Babies (Per sempre giovane)

Voto: 7,5

 

Stagione 2 Episodio consigliato: 2x02 - Small Tears (Il prezzo del silenzio)

Voto: 7,5

 

Stagione 3 Episodio consigliato: 3x01 – SO (La ricerca)

Voto: 7

 

Stagione 4 Episodio consigliato: 4x10 – Hands

Voto: 8

 

Voto generale: 8