Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Prison Break

  • Scritto da Thomasmann

Prison Break: ovvero il fulgido esempio di come un’ottima idea possa essere buttata alle ortiche in poco più di un paio di stagioni. P.B. è una serie tv che attraversa diversi generi: dall’ambientazione carceraria della prima e della terza stagione, dall’action thriller della seconda al clima spinistico-cospirazionista che aleggia per tutta la serie e in particolare nell’ultima (tremenda) stagione.


L’idea di partenza è abbastanza semplice e al tempi stesso efficace: Michael Scofield, un brillante ingeniere, si fa rinchiudere nel carcere di Fox River, dove il fratello Lincoln Burrows è in attesa di essere giustiziato per aver ucciso il fratello del vice-presidente, con l’intento di organizzare un piano d’evasione da attuare in meno di un mese. Per farlo ha raccolto tutti gli elementi e li ha nascosti all’interno di un tatuaggio gigante che ha su tutto il corpo.

Le loro vite all’interno del carcere si legano a quelle degli altri detenuti, in un gioco di potere e alleanze che ha come unico obiettivo la fuga finale. Conosciamo così T-Bag, condannato all’ergastolo per reati di qualsiasi tipo, dall’omicidio allo stupro, John Abruzzi, boss della mafia italiana, C-Note e Fernando Sucre, compagno di cella di Michael.

Dall’altro lato della sbarre ci sono il capo Bellick, capo delle guardie del carcere, Henry Popo, direttore del carcere che prende Michael in simpatia e, soprattutto, Sarah Tancredi, figlia del governatore dell’Illionois, e infermiera del carcere che, innamoratasi di Michael lo aiuta nella fuga.

Fuori dal carcere nel frattempo Veronica Donovan, avvocato ed ex fidanzata di Lincoln, cerca in tutti i modi di fermare l’esecuzione provando l’innocenza di Burrows.

Sopra tutto e tutti si muove la Compagnia, classica organizzazione segreta con infiltrati in qualsiasi ufficio governativo e non, che muove i fili della storia e i personaggi a proprio piacimento.

Se la prima stagione è tutta giocata sulla tensione all’interno del carcere, con il piano di Michael che ad ogni puntata guadagna un pezzo, ma al tempo stesso è minacciato dalle dinamiche interne al carcere, conquistando lo spettatore ad ogni episodio e conducendolo verso un finale, forse scontato nel risultato, ma non nel percorso per arrivarci, la serie prosegue a fasi alterne con una stagione che allarga l’orizzonte, disperdendo gli evasi anche fuori dai confini nazionali e costantemente inseguiti dall’agente dell’FBI Alexander Mahone.

Con la terza serie di ritorna tra le quattro mura di un carcere, questa volta è quello di Sona a Panama, dove Michael, Bellick T-Bag e Mahone vengono rinchiusi.

La quarta e ultima serie è una zozzeria di fantapolitica, in cui i protagonisti sono assunti dalla sicurezza nazionale per recuperare un dispositivo (Scylla) che contiene i segreti del mondo (sic.) e che non deve cadere nelle mani sbagliate (la Compagnia).

Il doppio episodio finale serve solo per concludere questioni in sospeso e per far provare l’esperienza della prigione all’unico personaggio “vergine di cella “ rimasta: Sarah.

Il voler mettere troppa carne al fuoco nel tentativo di uscire dallo genere strettamente carcerario è uno dei vizi di questa serie, che finché rimane chiusa tra le alte mura di Fox River può competere con i migliori esempi del genere (nell’arco della prima stagione ci sono rimandi evidenti a Le ali della libertà e a Fuga da Alcatraz), ma che quando alza il tiro e allarga la portata e l’ampiezza della ambientazioni si perde in complicati complotti e poco credibili situazioni.

Prima stagione:

L’ideazione e la realizzazione del piano di Michael per far evadere il fratello si scontra con carcerati e carcerieri di Fox River, mentre fuori dalle mura si indaga per provare l’innocenza di Lincoln e svelare il piano per incastarlo.

Episodio consigliato: 1x21 Go (“Ci siamo!” nell’edizione italiana)

Voto:8

-----------------------------------------------------------------------

 

Seconda stagione:

Alle calcagna dei fuggitivi ci sono Bellick, licenziato dalla prigione, e l’FBI. Ognuno degli evasi cerca di raggiungere il proprio rifugio. I due fratelli, cui si unisce Sarah quando scopre che il padre governatore è stato ucciso dalla Compagnia, raggiungono Panama dove Michael viene però arrestato, in concomitanza con l’assoluzione di Lincoln negli Stati Uniti.

Episodio consigliato: 2x22 Sona (“Corsi e ricorsi”)

Voto: 7

-----------------------------------------------------------------------

 

Terza stagione:

Michael, T-Bag, Bellick e Mahone si ritrovano all’interno del carcere di Sona, dove non le autorità non entrano ed è governato dagli stessi detenuti dopo una rivolta. Michael è incaricato dalla Compagnia (che ha rapito Sarah e LJ, il figlio di Lincoln) di trovare e fare evadere un uomo di nome Whistler.

Episodio consigliato: 3x01 Orientaciòn (“Uomo contro uomo”)

Voto: 7

-----------------------------------------------------------------------

 

Quarta stagione:

Intrighi, doppi giochi e speciali dispositivi segreti in grado di conoscere i segreti del mondo sono gli elementi di questa stagione conclusiva che ripesca personaggi creduti morti o scoparsi da anni e vecchi nemici che si rivelano buoni. Michael nel frattempo scopre di avere un male incurabile.

Episodio consigliato: 4x01 Scylla (“Sara è viva”)

Voto:5

-----------------------------------------------------------------------

Voto complessivo alla serie : 7

 

Info Serie:

 

con Dominic Purcell, Wentworth Miller, Robert Knepper,

Amaury Nolasco, Wade Williams, Sarah Wayne Callies

Prima visione italiana: 18 maggio 2006

Stagioni: 4 (2005 - 2009)

Puntate: 81

Durata: 42 min

thriller, azione