Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Itiburtinoterzo (R. Torre)

  • Scritto da Nicolò Scarano

iltiburtinoterzo

C’è un problema di fondo però, la gente intervistata, i ragazzi, sognano un futuro diverso, ma i loro sogni sono stati infranti anni fa, quando la bella vita e l’uso di cocaina gli ha deviati su una strada che come traguardo non può che avere il carcere. Come loro stessi sostengono, vivono in una sorta di riserva di indiani dalla quale è difficile uscire, soprattutto se la volontà è poca…o nulla. Sono gli intermediari fra gente comune e delinquenza, fanno furti, rapine, spaccio per racimolare i soldi per la droga, amano la bella vita e per tenere quei ritmi un lavoro comune non basta. Alla fine si ha l’impressione che in realtà vorrebbero uscire dal giro, ma ormai ci sguazzano dentro, e uscire da queste abitudini è difficile, soprattutto se continui con queste abitudini: “non facciamo un cazzo tutto il giorno” o “torniamo a casa alle 6 e ci svegliamo alle 4 del pomeriggio”.

La strada da intraprendere appare tortuosa. Si ha l’impressione di una specie di comunità borderline, ma che decide di essere borderline, i mezzi li hanno, ma non gli sfruttano, non sembra una questione di carenza di possibilità, ma di paura, poco coraggio o orgoglio romano da non infrangere. Per questo ho provato poco rispetto per loro, cercano la “normalità”, un lavoro comune, una donna da sposare, ma in realtà non ci provano nemmeno, ricadono negli stessi errori volontariamente. Il meno anormale è il cane di uno di loro, Afrika. Fra tutti l’unico che si dà da fare per cambiare la propria condizione, o meglio migliorarla è Alessandro, 22 anni, prostituta, o puttana come ama definirsi, con il motto “ci sarà sempre povera gente ricca che pagherà un cazzo per farsi scopare”. Lui almeno un obiettivo ce l’ha, accumulare dei soldi per andare in Inghilterra ad imparare la lingua. Dalla trama parrebbe che sullo sfondo ci sia Roma, il quartiere, ma in realtà non se ne vede manco un angolo, le interviste sono condotte in una specie di garage e il contesto appare solo dalle testimonianze.

Voto 5

Info Film:

ITA 2009 con Er porpo, Kamikaze, Pipistrello Durata: 28 min Documentario