Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Drive Angry 3D (P. Lussier)

Drive Angry è proprio una bella paraculata. Il trittico botte, donne e motori in puro stile anni '70 preso e riproposto in 3D. Potrei finire qui questo commento al film per far capire la portata “innovativa” di questa pellicola, ma non basterebbe a descrivere la bruttezza di ciò che passa sullo schermo. Quindi a voi otto motivi per non guardare Drive Angry 3D.

1) Protagonista superuomo: Milton, un forzuto, arrogante e “bestiale”, spunta da non si sa dove per fare il culo a uno schizzato assassino satanista. Milton è interpretato da un Nicolas Cage che pare non riesca a dare più nulla al cinema se non un'infinita sequela di nuove parrucche.

2) Figa da paura: Piper (Amber Heard ), una cameriera con una terza di reggiseno e brava nelle arti marziali, si unisce al protagonista per non so quale motivo etico tipo “ho rovinato la mia vita e adesso ho uno scopo...”. Naturalmente avrà poco peso la cosa, il suo ruolo si limiterà solo ad un forsennato rimbalzo ghiandolare.

3) Satanisti: un gruppo di idioti segue un idiota, poco altro. Il compito di costoro è sacrificare persone per conquistare il mondo, poco altro. Il guaio è che vogliono uccidere la nipote di Milton, poco altro.

4) "Essere FBI": un tizio vago, doppiogiochista e molto violento spunta per caso in qualche scena facendo il simpatico, uccidendo persone, cercando -non riuscendoci- di rendere un tantino più articolata la storia;

5) Oltretomba: non rovinando nulla della trama, posso solo affermare che questo andazzo di creare osmosi narrativa tra paradiso, inferno e pianeta terra ha veramente rotto il cazzo e non stupisce neanche per un oltranzista dell'Opus Dei. Potevamo fermarci al mediocre Constantine per vedere demoni umanizzati, eroi di mezzo e traghettatori in giacca e cravatta. E basta!

6) Sesso, alcool & violenza: dico soltanto “sparatoria durante sesso alcolico”. E con “durante” intendo proprio nel momento dell'incastro e della sorsata avviene la sparatoria. Da notare che questa è la scena con più pretese narrative del film.

7) Ironia (?): in molti tratti del film parrebbe che Drive Angry abbia pretese canzonatorie nei confornti di un filone filmico che negli anni '70 ha prosperato e trova negli nostri anni i suoi zoppicanti nipoti. Questa supposta ironia però si riflette solo nelle esagerazioni delle scene action e nella ripresa di alcuni tòpoi evidenti quali auto d'epoca, modi di parlare e ambientazioni. Se nella primissima parte essi potrebbero essere apripista per una divertente rivisitazione di quel genere comunque rimasto nell'immaginario comune, il tutto finisce per diventare parodia di se stesso e motivo di tedioso strazio per lo spettatore.

8) 3D: come visto in precedenza la tecnica 3D è morta prima di nascere. Da tecnologia che poteva dare un apporto importante al modo di concepire e sviluppare la storia, essa sta diventando solo uno strumento circense per allocchi bisognosi di giochi di prestigio e mesto mezzo per incassare qualche euro in più al botteghino. Drive Andry è solo una delle tante conferme di come per un film ben fatto in tre dimensioni, vi sono altri dieci che sono semplice e pura spazzatura tridimensionale.

Se potete state lontani da questo film o l'unica guida incazzata sarà quella post-visione nel ritorno a casa.

Voto: 4,5

Info Film:

regia di Patrick Lussier USA 2010 Con Amber Heard, Nicolas Cage, Billy Burke, William Fichtner, Wanetah Walmsley  durata 104 min  Thriller