Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

O.E. Confidential: SHANE JONES

  • Scritto da Giulia Zanfi

shane jones Shane Jones ha 32 anni, è americano, vive a Albany ed è l’autore di “Io Sono Febbraio". Storia dell’inverno che non voleva finire mai”, un libro che ha scalato le vette del mercato editoriale americano diventando ben presto caso editoriale dell’anno. In Italia, ce lo propone in una deliziosa versione la casa editrice Isbn.

A voi tutti, Shane Jones. Buona lettura!

 

1. Qual è il tuo mese preferito (e non dirci Febbraio!)? / Which is your favorite month (and don’t say February!)?

- Mi piace settembre. È un buon mese per il tempo. C'è un grande sole dorato in cielo.

(I like September. It’s a good month for weather. There’s a big golden sun in the sky.)

 

2. La tua biografia in tre libri. / Your biography in three books

- Oh. Una domanda molto difficile. Ecco tre libri di cui mi sono innamorato lo scorso anno: “Suttree” di Cormac McCarthy; “Nella pelle del leone” di Michael Ondaatje, e “Play It As It Lays” da Joan Didion.

(Oh. A very difficult question. Here's three books I fell in love with last year: Suttree by Cormac McCarthy; In The Skin of a Lion by Michael Ondaatje; and Play It As It Lays by Joan Didion.)

 

3. Cosa volevi diventare quando eri piccolo? / What did you expect to be when you were kid?

- Volevo aiutare gli animali. Mi sono visto come qualcuno che da grande avrebbe potuto salvarli. Avrei potuto frequentare la scuola per diventare veterinario, ma non ho mai avuto dei gran voti a scuola. Va bene lo stesso. Sono felice comunque di fare qualsiasi cosa stia facendo ora - anche se cazzo, giro troppo intorno alle parole e passo troppo tempo online.

(I wanted to help animals. I saw myself as someone who could fix dying animals. I could have gone to school to become a Veterinarian, but I never had the grades in school. That’s okay. I’m happy doing whatever is that I do now – fucking around with words and spending too much time online.)

 

4. Ti aspettavi un tale successo? Vogliamo la verità! / Did you expect such as great success? We want the truth!

- No. Quello che volevo fare era semplicemente scrivere un libro. È la verità. Semplice. Il mio vero me ha preso il sopravvento quando volevo che qualcuno pubblicasse il mio libro. Non lo vogliamo ammettere, ma noi scrittori ci comportiamo egoisticamente, come dei piccoli dei, costruendo i nostri mondi e pensando che qualcuno dovrebbe pubblicarci. Mi sorprendo ancora quando qualcuno legge il mio libro e mi dice che gli piace. Mi piace anche sentire quando la gente lo odia. Amo i nemici.

(No. What I wanted to do was write a book. That’s really it. Simple. My ego took over when I wanted someone to publish the book. Writers never want to admit it – but we’re egotistical little God’s making our worlds, thinking someone should publish us. I feel like I got really lucky. I’m still humbled and surprised when someone reads my book and tells me they like it. I also like hearing when people hate the book. I love the haters.)

 

5. C’è qualcosa di vero nei tuoi personaggi? / Is there something real in your characters?

- Certo. La ragazza che sapeva di miele e di fumo si basa su mia moglie. Lei fuma sigarette e utilizza prodotti a base di miele, ecco spiegato il perché del personaggio. Thaddeus Lowe, invece, si basa su una persona reale, un aeronauta della guerra civile americana, diventato famoso per aver utilizzato un pallone aerostatico per individuare le truppe confederate. Caldor Clemens infine, si basa parzialmente su mio cognato, ma non dirglielo.

(Sure. The Girl Who Smells Like Honey and Smoke is based on my wife. She use to smoke cigarettes and use Burts Bees products. Thaddeus Lowe is based on a real person, a balloonist, who lived during the American Civil War. Caldor Clemens is partially based on my brother-in-law, but don’t tell him that.)

 

6. Il tuo rapporto con i social network. / Your relationship with social network.

- Io uso spesso Twitter: è un mezzo attraverso il quale le assurdità della mia mente possono prendere una forma scritta. Qualunque stronzata penso, la scrivo e la rendo pubblica. Il fatto è che deve rimanere solamente come qualcosa di divertente e di non troppo impegnativo. Ho anche Facebook e Tumblr. Non so, alle volte odio questa tecnologia, ma comprendo anche che si tratta di un metodo con il quale posso facilmente raggiungere nuovi lettori. Voglio che la gente non mi percepisca come un'eremita che scrive solo di palloncini. I social network mi permettono di andare oltre, credo.

(I use twitter a lot as a means to say whatever nonsense is on my mind. Whatever bullshit I think, I can put it into a box and send it out. The point is to just be kind of silly and fun. I also have a Facebook and Tumblr. I don’t know, sometimes I just hate these things, but it’s something to do and I can reach some readers this way. I want people to feel like I’m not some hermit just writing about balloons. The social network lets me do that, I think.)

 

7. Caldo o freddo? / Hot or cold?

- Freddo.

(Cold.)

 

8. La cosa a cui tieni di più. / The thing you care about the most.

- Wow, che domanda difficile! Non saprei.

(Wow, what a hard question! I don’t know.)

 

9. Di questo libro esiste anche una colonna sonora. Cosa ne pensi? / A soundtrack of this book also exist. What do you think about it?

- Mi piace molto la colonna sonora che è stata scelta. Mi piace l'idea di associare la musica ai libri. Non credo però che avrei mai letto un libro ascoltando contemporaneamente una colonna sonora, ma probabilmente l'avrei ascoltata dopo la lettura del libro stesso, semplicemente per rilassarmi con la musica.

(I like the soundtrack a lot. I like the idea of music pairing with books. I don’t think I’d ever read a book while listening to a soundtrack, but maybe after reading the book just chilling out with the music.)

 

10. Chi si nasconde dietro il mese di Febbraio? / Who is behind the month of February?

- Tutti I nostri Padri.

(All of our Fathers.)


11. Leggi autori italiani? Quali? / Do you read any Italian authors? Which ones?

- Gli unici "grandi" autori italiani di cui ho sentito parlare in America sono Umberto Eco e Calvino. Non ho mai letto Eco, ma intendo farlo. Sembra interessante. “Le città invisibili “di Calvino invece è uno dei miei libri preferiti, ne ho letti altri sempre suoi, ma quello è davvero incredibile.

(I feel like the only “big” Italian authors I hear about in America are Umberto Eco and Calvino. I’ve never read Eco, but I want to. He seems interesting. Invisible Cities by Calvino is one of my favorite books. I’ve read several of his others and they are alright, but Invisible Cities is incredible.)

 

12. Hai il potere assoluto solo per un giorno: cosa faresti? / If you had got the power just for one day, what would you do?

- Basta fare felici le persone.

(Just make people happy.)

 

13. Com’è nata l’idea per questo libro? / How did the idea of this book arise?

- Volevo davvero scrivere un romanzo. Così, ho iniziato a giocare con alcune immagini che avevo in testa, come quella di un lungo inverno, quella del volo che viene bandito in una città e quella del mese di febbraio. Il libro è cresciuto così, giorno dopo giorno. Scrivevo una o due sezioni al giorno su block-notes e su pezzi di carta, e poi ho iniziato l'assemblaggio più o meno quando di parti ne avevo accumulate un centinaio. Ho così composto il libro come una sorta di collage d'arte, spostando i dati, riempiendo i buchi e modificando alcuni termini. In realtà comunque, l'idea base nasce dal mio reale e vivo desiderio di scrivere finalmente un libro. Questo più o meno quanto.

(I really wanted to write a novel. So, I started messing around with winter imagery, this idea of flight being banned, and the month of February. The book grew day after day. I’d write one or two sections a day on notecards, on scraps of paper, and just let it build up until I had about 120 sections. Then I formed the book like an art collage, moving stuff around, filling things in. But really, I just had this intense desire to finally write a book. And it’s such a short one! Oh well.)

 

14. Quanti libri leggi al mese? / How many books do you read per month?

- Leggo tre libri al mese. Adesso sto leggendo “La caverna” di Jose Saramago.

(I read three or four books a month. Right now I’m reading The Cave by Jose Saramago.)

 

15. Filosofia di vita / Your life philosophy

- Fare una buona colazione.

(Eat a good breakfast.)


16. Una cosa stupida che non riesci a smettere di fare / Something stupid that you can’t stop doing.

Ballo con i miei gatti e canto canzoni d'amore.

(I dance with my cat and sing love songs.)

 

17. Il tuo libro è impaginato in maniera non tradizionale (lo adoriamo per questo!). Perché? / Your book has a non-traditional layout (we love it!). Why?

- Perché? Perché non avevo idea di quello che stavo facendo. Il motivo principale è che avevo moltissimo tempo a disposizione da trascorrere davanti al computer e così ho sistemato gli innumerevoli pezzi di carta e stralci di testo che avevo sparso per tutta la stanza.

(Why? Because I had no idea what I was doing. One main reason the book was written this was is because I didn’t have a lot of time at a computer. I wrote on notecards, in notebooks, and on scraps of paper. I only had so much room to write.)

 

18. Chi o che cosa ti fa più ridere? / Who or what make you laugh more?

- Rido alla faccia di Febbraio.

(I laugh at the face of February.)

 

19. Sei mai stato in Italia? Che cosa pensi dell’Italia e degli Italiani (esclusi i politici, per favore!)? / Have you ever been in Italy? What do you think about Italy and Italians (politicians apart, please!)?

- No. Non sono mai stato in Italia, ma presto pubblicherò proprio lì un nuovo libro e spero possiate fare un salto. Immagino che l'Italia sia un posto molto bello. Penso che gli italiani siano pieni di vita e di energia. La cosa che più mi ha avvicinato al vostro paese è stato andare a cena all'Olive Garden (*L'Olive Garden è una catena di ristoranti americani specializzati nella cucina italiana/americana).

(No. I’ve never been to Italy, but a new book will be published there soon and hopefully I’ll get invited over to do a book tour. I imagine Italy is a very beautiful place. I think Italians are full of life, are very wild and full of energy. The closest I’ve been to Italy is having dinner at Olive Garden.)

 

20. Progetti per il futuro / Future plans

- Probabilmente fare una buona colazione.

(Probably going to have a nice breakfast.)

 

(15/02/12)