Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

O.E. Confidential: JESTER AT WORK

  • Scritto da Orazio Martino

jester at work O.E. Confidential ad Antonio Vitale in arte Jester At Work, dalle lande abruzzesi con una miscela di folk (dai contorni mistici e dark) che farebbe la gioia del primo e dell'ultimo Lanegan.

La risposta la trovate in "Megallano", seconda fatica discografica e umile capolavoro di un songwriter da ascoltare, approfondire e consigliare, anche a scatola chiusa.

Buona lettura e felice approfondimento.

 

1. Il blues in un disco

Non é proprio un disco ma sono "Le 29 tracce" che Robert Johnson ha inciso tra il Novembre del 1936 e il giugno del 1937, in una stanza d'albergo a Dallas. Testamento per l'umanita'.

 

2. Ultimo concerto visto

Mark Lanegan a Bologna.

 

3. Se la tua vita fosse un film, chi sarebbe il regista?

Radu Mihaileanu.


4. Una lettura da abbinare all'ascolto di "Magellano"

"Storia Generale Dei Pirati" capitano Johnson.

 

5. La t-shirt che indossavi a 18 anni

Qualsiasi essa fosse, purche' nera.


6. La scena di un film che riguarderesti all'infinito

Mean Streets (1973): De Niro (Johnny Boy) entra nel locale in dolce e duplice compagnia, Harvey Keitel (Charlie) lo attende dall'altra parta del bancone del bar, in sottofondo, ma non troppo, un pezzo degli Stones e precisamente Jumpin' Jack Flash.


7. Artista, musicista o produttore con il quale ti piacerebbe collaborare

T-Bone Burnett perche' e' un'artista, musicista e produttore.

 

8. I tuoi idoli d'infanzia

Magic Johnson, Izzy Stradlin, Kevin Schwantz ed un carpentiere, amico di mio padre, che riusciva a nascondere la testa del martello in una mano, facendo finta poi di piantare i chiodi sul legno con i pugni.

 

9. Il posto più strano dove hai suonato

In una stalla.

 

10. Rapporto con le tecnologie

E' migliorato ultimamente, ci rispettiamo.


11. Il riff (o il giro di accordi) che ti ha stravolto l'esistenza

"Shine on you crazy diamond", perche' avevo sei anni e mio padre aveva una stereo 8 di "Wish You Were Here" e la faceva suonare in continuazione...ci andavo a dormire. C'erano anche altre stereo 8, Fausto Papetti, Le Orme, Formula 3...ma devo ringraziarlo per essersi fissato solo con i Pink Floyd!

 

12. Il posto dove ti vengono più idee

In automobile.

 

13. Il romanzo che tutti dovrebbero possedere

Non leggo romanzi, o meglio li leggo raramente e di solito non li finisco. Non è un romanzo ma lo cito lo stesso: " Hagakure il codice dei samurai" di Yamamoto Tsunetomo

 

14. La tua biografia in tre canzoni

Born On The Bayou (Creedence Clearwater Revival), Burden In My Hand (Soundgarden), Seen How Things Are Hard (Elliot Smith). Non sono i miei pezzi preferiti, ma sono colonne sonore di momenti particolari.

 

15. Consigliaci un album sconosciuto ai più, ma bellissimo

"Mosaic" Wovenhand.