Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

O.E. Confidential: ALESSANDRO BARONCIANI

Quattro chiacchiere con Alessandro Baronciani, fumettista e urlatore post-punk tra i più emozionanti in circolazione.

Nato e cresciuto a Pesaro, piccolo orgoglio dell'Istituto d'Arte di Urbino, l'autore e disegnatore marchigiano ha sviluppato uno stile personale e minimale che ha perfezionato in numerose storie a fumetti, innumerevoli illustrazioni ed altrettante collaborazioni grafiche.

Un artista a tutto tondo capace di commuovere gli ascoltatori con la brevità e concisione degli Altro, perla rara della scena musicale alternativa del nostro Paese.

Godetevi il botta e risposta, e buon approfondimento.

1- Un disco per un momento importante della tua vita

This Mortal Coil – “Filigree & Shadow”. Non un momento particolare, ma una estate passata a Milano dove la mia sveglia era questo disco.

2- Un fumetto per un momento importante della tua vita

Crying Freeman. Scoperto in edicola di ritorno da scuola e finito prima di arrivare a casa.

3- La canzone a cui tieni di più?

Ce ne sono tante, troppe. In questo momento ho scoperto che non conoscevo "Strange Fruit" cantata da Siouxsie. Poi sono costretto a farti un elenco, così che mi viene in mente in questo momento: “We must bleed” dei Germs, “Karen” e “The night that jack kerouak built" dei Go-Betweens, “In a manner of speaking” dei Tuxedomoon, "In the flat field" dei Bauhaus, "Somewhere" dei Danse Society. E che ascolto parecchio dark ultimamente.

4- Un fumetto a cui tieni di più?

Calvin e Hobbes.

5- Il luogo in cui cerchi e trovi l'ispirazione

Autunno.

6- Una parola per definire gli ALTRO

Autunno.

7- Il frontman che ti ha cambiato la vita

Cedric Bixler Zavala.

8- La band che non riesci a toglierti dalla testa

Anche qui tante, troppe. Forse i Cure, ma li so così a memoria che quando li vado ad ascoltare mi bastano una volta sola. Un po' come quando ripassi la lezione di scuola.

9- Cassetta o CD

Perché cassetta o cd? Il vinile è scontato che piaccia? Devo dirti che ho appena rimesso lo stereo sopra la scrivania dove lavoro insieme ai dischi e i cd a portata di ascolto e ho finalmente lasciato perdere gli Mp3 dal computer.

10- Un motivo per vivere a Pesaro

Il mare.

11- Un motivo per non vivere a Pesaro

Il mare.

12- Un autore che consiglieresti a chi non ci capisce nulla di fumetti

Se non capisci i fumetti forse dovresti leggere “Capire il fumetto di Scott Mc Cloud”.

13- La maglietta che non ti toglieresti per nulla al mondo

Sono due: una maglietta dei Joy division comprata a Praga durante il mio primo viaggio a diciotto anni in interrail. La seconda presa a El Paso a Torino. Uno dei posti dove siamo stati più contenti di aver suonato.

14- Il disco più imbarazzante che possiedi

Anche qui sono molti, troppi. Cominciamo con Nilla Pizzi – “La regina delle canzoni”, poi con i 45 giri del “Tempo delle mele”, e con una serie di dischi dei Front 242 e Frontline Assembly che ancora oggi non so quando e dove li ho comprati.

15- Cosa ci salverà ?

Il grundark, un nuovo genere musicale: grunge + dark.

 

Articoli correlati:

- O.E. Confidential: Zagor Camillas