Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

O.E. Confidental: CORRADO MERAVIGLIA

  • Scritto da Orazio Martino

corrado meraviglia intervista O.E. Confidential a Corrado Meraviglia, cantautore atipico che abbiamo marcato stretto in questi ultimi mesi.

La conferma la trovate nell'album d'esordio "Parlo Sempre Con Le Persone Sbagliate", prodotto da La Fame Dischi, naturalmente in free download.

Tempo di lettura: 2 minuti e mezzo.

 

1. La tua biografia in tre canzoni

"The Boy With The Thorn In His Side" Smiths, "Seven" God Machine, "Ravenna" Massimo Volume. Ma non è una biografia, in tre canzoni è un maledetto bignami.


2. Ultimo concerto visto

A Classic Education.

 

3. Il videoclip musicale più geniale della storia

Probabilmente qualcosa di Gondry. C'è però il dettaglio che io di solito amo i videoclip meno geniali della storia, che ne so, il primo recente che mi viene in mente è "Sadness is a blessing" di Lykke Li, un'idea semplice ma molto efficace.

 

4. Il posto dove ti vengono più idee

Per quanto riguarda i testi mentre mi sposto, di solito, che sia in auto o sui mezzi pubblici. Per la musica ogni volta che prendo in mano la chitarra qualcosa viene fuori, infatti ho il cellulare pieno di registrazioni.

 

5. Il tuo piatto preferito

Sono l'Anticristo dei buongustai, con me è una domanda sprecata.

 

6. La T-Shirt musicale che indossavi a 16 anni

Era tutta nera con un'immagine inquietante di Robert Smith dei Cure.

 

7. Il disco che ti ha stravolto l'esistenza

Direi "Pornography" a 15 anni, o negli anni 90 il primo God Machine e "Lungo i Bordi" dei Massimo Volume. Non so decidere, ora la mia esistenza si stravolge da sola.

 

8. La scena di un film che riguarderesti all'infinito

Il finale di "Simple Men" di Hal Hartley. O il finale di "Trust", sempre di Hartley. O qualunque scena dei film che ha girato tra tra il 1989 e il 1992. Aspetta, oppure una scena a caso da "Vivre Sa Vie" di Godard. Sono domande crudeli, queste.

 

9. La tua prima chitarra elettrica

Una chitarra nera costata molto poco (credo fosse una Echo, ma non ne sono certo), che dopo un paio d'anni si è spaccata in due mentre provavamo (il manico si è staccato dal corpo), sostituita da quella che uso ancora adesso.

 

10. Produttore artistico con il quale ti piacerebbe collaborare

Avete vinto, a questa non so davvero rispondere.

 

11. Ultimo libro letto

"La Peste" di Tommaso Sodano.

 

12. Rapporto con le tecnologie

Ottimo ma non sempre ricambiato. Sono come uno che guida moltissimo ma non sa cosa si nasconda nel motore, o come mettere le catene da neve. (l'esempio non è casuale).


13. Il giro di accordi che ti ha cambiato la vita

Forse non nel senso che intendevate, ma di sicuro mi ha cambiato la vita. Il primo giro di accordi che mi hanno insegnato: "L'italiano" di Toto Cutugno.

 

14. La Fame Dischi: artista più simpatico

Ne ho conosciuti solo due dal vivo (Marazzita e Love Yourself First), direi tutti e due! Se devo scegliere rispondo Love Yourself First ma solo perché Michele è praticamente un cabarettista.

 

15. Se la tua vita fosse un film, chi sarebbe il regista?

Aki Kaurismaki, sicuramente.