Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

RONIN: Fenice

  • Scritto da Marco Tonelli

ronin fenice Atmosfere cinematiche, sensazioni folk noir da abbinare ad un corredo post-rock di tutto rispetto. I Ronin non hanno bisogno di parole per raccontare le loro storie, ci pensano i suoni a evocare le immagini. A due anni di distanza da “L'Ultimo Rè”, il cantautorato “muto ” del quartetto milanese cresce inarrestabile fino a toccare le vette del capolavoro.

"Fenice" riesce nell'intento di amalgamare con sapienza le ballate desertiche e le cavalcate in punta di twang con nuove soluzioni figlie della musica africana. Bruno Dorella, Nicola Ratti, Chet Martino e Paolo Mongardi cesellano e lavorano di fino un suono calibrato nei minimi particolari, sia quando esplode in un carnevale di fiati, sia quando induge in malinconici film in bianco e nero.

Disco eterogeneo, ma con una organicità che sa di magistrale sceneggiatura, perfettamente in grado di mantenere in piedi incipit, colpo di scena e degna conclusione.

“Spade” è un crescendo di saliscendi ritmici, “Benevento” riassume tutto quello che ti aspetteresti dai Ronin: apertura al fulmicotone, parte centrale lenta e ammiccante ed epica conclusione noise-blues. Non mancano le ballate notturne, magari consumate al tramonto (“Selce”) o lasciate crescere al suono dei violin (“Fenice”).

“Jambiya” è la chiave di un'evoluzione, la speranza di una trasformazione musicale che ha del miracoloso: un sabba di percussioni, chitarre in levare, pianoforti dissonanti ad accorciare le distanze tra il continente nero e l'europa del kraut rock più ritmico. “It Was a Very Good Year”, cover di Frank Sinatra cantata in punta di piedi da Emma Tricca, raggiunge vertici emotivi inarrivabili su un tappeto sonoro fatto di fumo e malinconia. “Conjure Man” è un ponte tra il passato e il futuro, Nord e Sud del mondo uniti in un orgia di trombe e sassofoni.

Meglio di così non potevano fare.

Voto: 8

 

Info:

Santeria/Tannen Records, 2012

Post-Rock

Ronin - Jambiya by Tannen Records

 

Contatti: http://www.ronintheband.com/

 

Tracklist:

1-Spade

2-Benevento

3-Selce

4-Jambiya

5-Fenice

6-It Was a very Good Year

7-Gentleman Only

8-Nord

9-Conjure Man