Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

NUMERO 6: Dio C'è

C'è poco da dire quando si parla dei Numero 6, che tanto nemmeno con l'impegno riuscirebbero a bucare un disco. “Dio C'è” arriva a due anni dall'ultimo “I Love You Fortissimo” e pochi mesi dopo la parentesi solista di Mezzala, che con il suo Il Problema di Girarsi” aveva smorzato l'attesa confermandosi come uno degli autori più brillanti e talentuosi in circolazione.

Inutile parlare di influenze, per un autore che da quindici anni, coi Laghisecchi prima e con i Numero 6 poi, porta avanti una ricerca della perfezione e della semplicità nella canzone pop con talento, personalità e costanza esemplari.

Un pop rock nell'accezione più nobile del termine, di chi sa di scrivere e di saper scrivere grandi canzoni con il cuore in pace, senza appigli e senza inutili manie di esagerare e stupire ad ogni costo.

Per di più, questo è il disco più pop mai realizzato dalla band genovese. Facile all'ascolto, diretto, scorre a meraviglia e una volta fatto partire vi assillerà, con piacere, per le settimane a seguire monopolizzandovi le orecchie con i suoi ritornelli.

Scappa Via”, “Crash”, “Persone che potresti conoscere”, “Dio C'è”, “La Vita Sbrana” (e potrei nominarle tutte e tredici) hanno come un gancio, e vuoi il realismo dei testi, vuoi per un tiro musicale di incastri mai banale, vuoi per l'inconfondibile voce di Bitossi, mantengono a ogni ascolto un qualcosa di magnetico, a cui è impossibile resistere.

Canzoni semplici, almeno a primo ascolto, che ad ogni giro mostrano dettagli nuovi, sia nei testi che negli arrangiamenti, scoprendosi in tutta la loro mai invasiva complessità. E in mezzo: archi, fiati, le voci femminili di Une Passante e Giulia Sarpero e un microcosmo di fatti e storie tutto da scoprire.

Ironia, leggerezza, un fare dissacrante e il gioco è fatto, tanto più quando alla voce di Mezzala Bitossi si aggiunge quella di Lorenzo Urciullo, in arte Colapesce, che colora “Un Mare”, con i suoi ricordi e uno sguardo al futuro che resta, nonostante tutto, carico di fiducia.

E certo, la fiducia. Quella, per quanto mi riguarda, quando si ha a che fare con i Numero 6, non verrà mai a mancare. Se mai la fiducia nell'ascoltatore italiano, quella sì che comincerà a tentennare, se si continua a ignorare dischi come questo.

E ascoltatevi i Numero 6. Fatevi un favore.

VOTO: 7


Info:

Urtovox Records, 2012

Pop Rock

 

Tracklist:

1. Mi arrendo

2. Low cost

3. Scappa via

4. Crash!

5. Storia precaria

6. Persone che potresti conoscere

7. Dio c'è

8. Domatore di coglioni

9. Fa ridere

10. La vita sbrana

11. Sessantasei

12. Un mare

13. A chi è infallibile