Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

LEONARD COHEN: Old Ideas

  • Scritto da Orazio Martino

old ideas cohen Ritorno in pompa magna per il Grande Capo del cantautorato mondiale, l'ex "menestrello dalla voce di rasoio" diventano oramai un crooner in grado di rasentare la perfezione.

Un'immagine di copertina che è la fotografia ideale del Leonard Cohen targato nuovo millennio, 77enne dall'aria rilassata e il volto scavato dal tempo, songwriter di natura sopraffina che non ha mai smesso di scrivere canzoni ma soprattutto non ha mai dimenticato come fare breccia nel cuore dell'ascoltatore (amante preferito). Fonti attendibili rivelano che ai suoi concerti potreste beccare gentaccia come Biagio Antonacci e Beppe Grillo, ma anche songwriter in crisi esistenziale e proprietari di aziende vinicole che si farebbero in quattro pur di tornarsene a casa con una bottiglia autografata di buon rosso.

Quello di "Old Ideas" è altresì un Cohen più oscuro e introspettivo, che indaga su se stesso come lo farebbe uno scrittore in un reading di poesie, dando il peso giusto alle parole con un'umiltà e una saggezza di chi ne ha viste di cotte e di crude in 50 anni di gloriosa carriera.

"'Non ho futuro / So che ho i giorni contati / Il presente non è così piacevole / Solo tante cose da fare / Pensavo che il passato mi sarebbe bastato / Ma l'oscurità ha inghiottito anche quello". Sono i versi di "Darkness" (traccia numero quattro del disco), una ballad travesita da blues come non se ne sentivano in giro da un ventina d' anni, carezza sopraffina e vertice compositivo di un disco che emerge, ascolto dopo ascolto, come irresistibile bomba sexy ("Amen", "Anyhow" e "Crazy To Love You" sono di una bellezza ammaliante).

10 canzoni per inquadrare i passaggi chiave di un'ascesa leggendaria, consacrata, di decennio in decennio, da capolavori capaci di insediarsi ai vertici della musica mondiale ("Songs Of Leonard Cohen" e il formidabile "I'm Your Man" per citarne un paio). Tutto questo, naturalmente, sullo sfondo fittizio di una sera autunnale con un calice di vino fra le mani e una luna bestiale ad illuminare il mondo intero.

Voto: 7,5

 

Info:

Columbia, 2012

Songwriter

 

Il disco potete ascoltarlo in streaming al seguente link

 

Tracklist:

01. Going Home

02. Amen

03. Show Me The Place

04. The Darkness

05. Anyhow

06. Crazy To Love You

07. Come Healing

08. Banjo

09. Lullaby

10. Different Sides