Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

AMOR FOU: Cento Giorni da Oggi

amor fou cento giorni da oggi Se non fosse stato per il colpo di fulmine, una settimana fa, all'ascolto del primo singolo "Alì", difficilmente avreste potuto collegare il mio nome a quello di Alessandro Raina e compagni.

Pur non essendo un grandissimissimo fan dei milanesi Amor Fou, quel singolo mi aveva incuriosito parecchio, innanzitutto per il suo impatto travolgente, successivamente per una serie di discorsi legati a ritmiche killer, melodie appiccicose e ad un videoclip spettacolare per il modo in cui faceva interagire musica e (soprattutto) immagini.

Pronto a seminare il panico nella primavera musicale italiana (indipendente NO, esce per Universal!), "Cento Giorni Da Oggi" è un trattato sulla condizione giovanile ai tempi dei social network. Una dissertazione globale e globalizzata oltre che un album di 13, ottime, canzoni.

Musicalmente prendiamo atto di una commistione di generi pressoché totale: si spazia dal cantautorato in lavatrice de "Gli Zombie Nel Video di Thriller" alle atmosfere shoegaze de "La Primavera Araba" (praticamente un brano dei Cosmetic con le chitarre acustiche al posto delle Mustang, stesso discorso per "I Volantini di Scientology", con un pizzico del Battiato di inizio anni Ottanta), passando per il mood danzereccio della già citata "Alì" fino al rock da bandiera tricolore al vento de "I 400 Colpi".

I mezzi capolavori sono "Padre Davvero" con il suo irresisitible groove à la "Remain In Light" e "Una Vita Violenta", pop rock farcito di elettronica benedetto da ritornello sul quale investirei tranquillamente un paio di bigliettoni.

Gli arrangiamenti fanno il punto sulla situazione musicale degli tre/quattro anni, ridisegnando il background di una band tutt'altro che appagata ed in costante evoluzione. Le tematiche delineano storie di vita quotidiana nei confini di un citazionismo calibrato e ricercato, che allude a Saviano, cita Obama e non può far a meno di inglobare la multinazionale simbolo dell'immaginario consumista contemporaneo, la temibilissima Ikea.

Che si tratti di una svolta elettronica, modaiola o anarchica sarete voi a deciderlo. "Cento Giorni Da Oggi" è un disco che funziona per il semplice fatto che sarà difficilissimo scrollarselo di dosso.

Ascoltatelo in streaming al seguente link.

Voto: 7

 

Info:

Universal Music Italy, 2012

Pop

 

Contatti: http://amorfou.tumblr.com/

 

Tracklist:

1. Gli Zombie Nel Video Di Thriller

2. Alì

3. Goodbye Lenin

4. Vero

5. Una Vita Violenta

6. I 400 Colpi

7. La Primavera Araba (feat. Davide Autelitano)

8. Padre Davvero

9. Le Guerre Umanitarie

10. I Volantini Di Scientology

11. Forse Italia

12. Radiante (feat. Alessandro Baronciani)

13. Tigri (The Song)