Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Don't try this at home, il nuovo EP delle Tacobellas

  • Scritto da Gli Osservatori Esterni
tacobellas 2021
tacobellas 2021 - tacobellas 2021

A due anni di distanza dall’acclamato album d’esordio “Total 90”, tornano ad affacciarsi sulle scene le irresistibili Tacobellas, power duo della provincia di Modena capitanato da Valentina Gallini (voce e chitarra) e Greta Lodi (batteria).

“Don’t try this at home” è il nuovo EP che anticipa il loro secondo album in studio atteso per la fine del 2021: un'esperienza totalmente home recording tra Sudore, Sesso e Sangiovese in uscita il 13 agosto per la label indipendente americana editoris con l’immancabile supporto delle nostrane La Barberia e Koe Records.

Un EP di 4 brani che suonano lo-fi e potenti allo stesso tempo, incazzosi e ad alto tasso di groove.

A parlarcene sono le stesse Tacobellas:
Durante il lockdown abbiamo deciso di registrare un ep in totale autonomia. Avendo molto tempo a disposizione, abbiamo approfondito molti aspetti della musica e imparato cose nuove dal punto di vista tecnico. Sappiamo benissimo che per questo tipo di cose (in realtà in tutte le cose) ci vuole tempo ed esperienza per ottenere un prodotto ad hoc. Però a noi piace condividere qualsiasi cosa che riguardi le nostre avventure musicali, quindi volevamo rendervi partecipi anche di questo percorso.
Abbiamo incontrato parecchie difficoltà; registrare la batteria forse è stata quella maggiore, ma arrovellarsi per risolvere certi problemi è davvero stimolante per noi.
Il titolo “Don’t try this at home” è ironico. Questa frase ci ricorda quando, da piccole, guardavamo il programma di wrestling nel tardo pomeriggio, e ad inizio puntata c’era sempre il disclaimer che raccomandava di non riprodurre le mosse dei wrestlers a casa perché poteva essere pericoloso!
Il fenomeno dell’home recording sta crescendo in modo esponenziale, sia per l’avvento di strumentazioni con alte prestazioni e prezzi abbordabili, sia per il gran risparmio che ne segue; fare musica nella propria cameretta è anche molto più intimo, permette una “super personalizzazione” del prodotto finale.
Il nostro vuole essere un tentativo di avvicinarsi ancora di più alla musica e di togliere (per quanto possibile) ogni passaggio intermedio tra il musicista e la riproduzione dell’opera che ha composto, stimolate soprattutto da una lettura recente che abbiamo fatto, ovvero “L’opera d’arte nella sua riproducibilità tecnica” di W. Benjamin, dove questo argomento è ampiamente trattato e offre spunti per riflessioni molto interessanti. Egli sostiene infatti che ogni riproduzione dell’opera (in questo caso mp3, wav, vinile ecc…) sia un falso e che l’unica opera vera sia quella eseguita direttamente dall’artista nel momento stesso in cui la produce. Secondo Benjamin quindi solo chi ha visto Leonardo dipingere la Gioconda ha visto la Gioconda originale, anche una foto o un video dell’opera sarebbero un falso; e la vera Smell Like Teen Spirit è solo quella suonata dai Nirvana in sala prove, qualsiasi registrazione o riproduzione sarebbe un falso. Un discorso molto sottile insomma, che ci ha portate a farci un sacco di domande, ma anche spunti per un nuovo ep!
In futuro vorremmo far uscire altri lavori come questo, continuando comunque a registrare anche in studi professionali perché, diciamoci la verità, la qualità dell’audio è ad oggi una componente imprescindibile.

“Don’t try this at home” è disponibile da venerdì 13 agosto sulle principali piattaforme di smistamento digitale. Volume a palla, e buon ascolto!