Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

I migliori dischi del Post-Rock

  • Scritto da Enrico Tallarini

post rock

post rock
Ha ancora senso parlare di post-rock? Ne ha mai avuto? C’è stato davvero un dopo rock? Se sì, di certo ha avuto vita breve, e volendo lo si potrebbe anche risolvere tutto in due nomi: Mogwai e Godspeed You! Black Emperor.

Nato per trovare una vita alternativa a un rock in via di seppellimento dopo l’invasione del movimento grunge, è stato un fuoco ardente quanto passeggero, ritrovatosi in un batter d’occhio spompato e avvinghiato su se stesso. Fatto sta che quegli intrecci di chitarre, quei tappeti sonori e quei crescendo mirati al climax hanno segnato, nel bene o nel male, un’intera generazione di band sul finire di millennio. Musica da viaggio e da sogno, perlopiù strumentale, tra arpeggi e feedback, momenti rarefatti e veri e propri muri di suono. È stato bello finché è durato, ma ormai non se ne può più. I cloni dei cloni dei cloni ci hanno rotto i coglioni.

 


PS: Nella lista troverete artisti legati al post-rock anche solo per vie trasversali. È inevitabile, visto il non-genere che significa tutto e niente. Nel dubbio chiudete gli occhi. Buon ascolto, e buon viaggio.



- SLINT: "Spiderland" (1991)

- LOW: "I Could Live in Hope" (1994)

- BARK PSYCHOSIS: "Hex" (1994)

- DON CABALLERO: "Don Caballero 2" (1995)

- LABRADFORD: "Labradford" (1995)

- TORTOISE: "Millions Now Living Will Never Die" (1996)

- JUNE OF 44: "Tropics and Meridians" (1996)

- MOGWAI: "Young Team" (1997)

- DIRTY THREE"Ocean Songs" (1998)

- MOGWAI: "Come On Die Young" (1999)

- GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR: "Slow Riot For New Zero Kanada" (1999)

- GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR: "Lift Your Skinny Fists Like Antennas To Heaven" (2000)

- ULAN BATOR: "Ego : Echo" (2000)

- EXPLOSIONS IN THE SKY: "Those Who Tell The Truth Shall Die, Those Who Tell The Truth Shall Live Forever" (2001)

- GIARDINI DI MIRO’: "Rise and Fall of Academic Drifting" (2001)

- SIGUR ROS: "( )" (2002)

- MùM: "Finally We Are No One" (2002)

- 65 DAYS OF STATIC: "The Fall of Math" (2004)

- THEE SILVER MT ZION: "Horses in the Sky" (2005)

- GOD IS AN ASTRONAUT: "All is Violent, All is Bright" (2005)

- HRSTA: "Ghosts Will Come And Kiss Our Eyes" (2007)

- BALMORHEA: "River Arms" (2008)

- MONO: "Hymn To The Immortal Wind" (2009)