Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

I migliori album Trip Hop

Gli anni '90 sono stati la patria del rimescolamento e della commistione di istanze e idee provenienti da generi diversi e apparentemente lontani tra loro. Non a caso, in quel decennio nasce e si sviluppa il Trip Hop. Sonorità nere (Hip Hop, Dub e Soul) mischiate a fumose influenze Jazz e condite da battiti House e Techno rallentati fino allo sfinimento, sono questi gi ingredienti di un suono tra i più affascinanti e cinematici di tutti i tempi.

In principio fu il “Wild Bunch”, collettivo di DJ e sperimentatori elettronici di stanza a Bristol sul finire degli anni '80. Da quel laboratorio e dalla multietnica cittadina inglese, prenderanno vita un manipolo di confezionatori di suoni, splendide voci femminili e oscuri costruttori di Beat e rime stordenti.

Quali sono i primi nomi che vi vengono in mente?
Senza dubbio i Massive Attack, lo splendore dei Portishead e la cupezza di Tricky in compagnia della vocalità immaginifica di Martina Topley Bird.  Un non genere che ha dato vita ad una schiera infinita di imitatori, ma allo stesso tempo ha fornito le fondamenta per un orizzonte musicale cangiante e ricco di influenza negli anni a venire.

Di seguito il listone dei migliori album, tra maestri inarrivabili e rimescolatori sopraffini. Buona spulciata!


1. “Dummy” - Portishead  (1994)

2. “Mezzanine” - Massive Attack (1998)

3. “Endtroducing” - Dj Shadow (1996)

4. “Maxinquaye” - Tricky (1995)

5. “Psyence Fiction” - UNKLE (1998)

6. “Smokers Delight” - Nightmares on Wax (1995)

7. “Sounds from Thievery Hi-Fi” - Thievery Corporation (1996)

8. “Strictly turntablished” – Dj Krush  (1994)

9. “New Forms” - Roni Size (1997)

10. “Lamb” - Lamb (1996)

11. “Do you like my Tight Sweater” - Moloko (1995)

12. “Bass is Material” - Smith & Mighty (1995)

13. “Ghost” - Third Eye Foundation (1997)

14. “Big Calm” - Morcheeba (1998)

15. “Love in the Time of Science” - Emiliana Torrini (2000)

16. “Gorillaz” - Gorillaz (2002)

17. “Prince Blimey” - Red Snapper (1996)

18. “Throbbing Pourch” - Wagon Christ (1995)

19. “Very Mercenary” - The Herbalizer (1999)

20. “Let us Play” - Coldcut (1997)

21. “Simple Things” - Zero 7 (2001)

22. “Vertigo” - Groove Armada (1999)

23. “Becoming X” - Sneaker Pimps (1996)

24. "Hed Phone Sex” - Funki Porcini  (1995)

25. “The magnificent Tree” - Hooverphonic (1998)


Articoli correlati:

- Le migliori canzoni dei Portishead

- Città musicali: Bristol