Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

The Smashing Pumpkins

smashing pumpkins Sono sicuro che se Billy Corgan incontrasse in giro un ragazzino emo, quest’ultimo non saprebbe neanche chi è quell’omone alto e pelato, e il buon Billy prenderebbe il ragazzino a calci nel culo apostrofandolo con una frase del tipo: “Che cazzo se ne sai tu della tristezza e della malinconia!”. È sempre stato un tipino a modo Corgan, poco incline al compromesso, fermo e dispotico, se una cosa non gli andava bene, via! fuori dalle palle!

Il gruppo è mio e decido io! Proprio così, gli Smashing Pumpkins non sono un gruppo, sono un’emanazione della personalità autoritaria di Billy Corgan, del suo smisurato ego malato, delle sue manie e al tempo stesso della sua grandiosa genialità. Le Zucche ne hanno passate tante. La loro storia inizia nei primi anni ’90 a Chicago, città poco rock e molto blues, per concludersi alla fine del decennio, del secolo e del millennio dopo anni di successi, partenze e ritorni, litigi e ricoveri in cliniche di disintossicazioni, morti e risurrezioni. Erano in quattro: James Iha (chitarra), D'Arcy Wretzky (basso), Jimmy Chamberlain (batteria) e, appunto, Billy Corgan (tutto il resto!). Hanno avuto una carriera che a volerla rappresentare graficamente risulterebbe una linea a campana, con la crescita da "Gish" a “Siamese Dream” e il meraviglioso apice di “Mellon Collie” e la discesa da “Adore” in poi, fino agli abissi di “Machina II”, hanno spaziato in qualsiasi meandro del rock fosse possibile entrare e ne hanno tirato fuori il meglio, hanno segnato e raggruppato un decennio e si sono spenti come un fuoco cui si dà troppa legna e rimane soffocata.

 

 

Discografia

"Gish" (1991): 7

"Siamese Dream" (1993): 8,5

"Pisces Iscariot" (1994): 7

"Mellon Collie and the Infinite Sadness" (1995): 9,5

"Aeroplane flies high" (1996): 7

"Adore" (1998): 8,5

"Machina/The machine of God" (2000): 6

"Machina II/The Friends and Enemies of Modern Music" (2001): 5

"Zeitgeist" (2007): 5,5