Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Misfits

  • Scritto da Orasputin

misfits Il gruppo punk con la voce più blues. Canzoni entrate nella leggenda, una scia di gadget, cover e tributi da qualsiasi angolo del pianeta. Digeriti a malapena dalla critica, i Misfits consegnano alla storia un’eredità incredibile. Partiti con Danzig (il Jim Morrison oscuro), traghettati da Jerry Only, caduti definitivamente negli anni Novanta, gli inventori dell’horror punk costituiscono a tutti gli effetti (alla pari con Iron Maiden e Ramones) un marchio, un brand indelebile di riconoscibilità e profitto economico. Tantissime le questioni legali, una decina i punti che hanno dato il via libera alla creazione di una delle immagini più sfruttate nell’universo rock’n’roll.

1. I Misfits sono gli inventori dell’horror punk, genere che trae ispirazione dei racconti del terrore, da Ed Wood e tutto il cinema di serie B. La Plan 9 Records, etichetta fondata nel 1978, è una citazione al capolavoro di nicchia “Plan 9 From Outher Space”.

2. I Misfits sono una delle dieci rock band più coverizzate del pianeta. Solo in questo momento mi vengono in mente Metallica, Guns’n’Roses, Pennywise e Sick Of It All. La carrellata potrebbe allungarsi fino a sfiorare i 60 nomi.

3. Il Crimson Ghost, il famoso teschio in bianco e nero, è uno dei loghi più presenti nella società occidentale. Scarpe, t shirt, tatuaggi, pantaloni; il colpo di fulmine è una pellicola del 1946 di Fred Brannon.

4. Micidiali anche a livello stilistico, i Misfits hanno lanciato corpse paint e devilock, rispettivamente trucco da zombie e pettinatura con ciuffone centrale che arriva a lambire la punta del naso. Emulazione che sfocerà nel fanatismo, soprattutto quello di sponda truzza.

5. I Misfits sono i detentori di un record: il loro primo album, “Static Age”, rimasto in cantina per 20 anni, venne ufficialmente pubblicato nel 1997. E’ considerato uno dei capolavori della band, alla pari con “Earth A.D.” e “Walk Among Us”.

6. Tecnicamente superflui, i Misfits rappresentano la fine della storia d’amore tra successo e pratica dello strumento. Dopo Sex Pistols, Damned e Ramones, veniva definitivamente sfatato un altro dei cliché fondamentali.

7. I Misfits perfezionarono uno stile che mischiava punk rock, cori e ritornelli al fulmicotone. Intrise di una leggera patina pop, le loro canzoni difficilmente sfioravano i due minuti. Titoli e testi, tripudio di fantascienza e invettive familiari (”Mommy, can I go out and Kill Tonight?”) raramente venivano presi sul serio. Espediente che contribuì al perfezionamento della scena pop punk americana.

8. Oltre ad apparire in numerosi film, il marchio Misfits ha animato numerosi videoclip musicali. Uno su tutti, “Dani California” dei Red Hot Chili Peppers. Fino a poco tempo fa, un noto wrestler, Vampiro, indossava una loro t shirt prima di ogni combattimento. La band ricambiava con qualche apparizioni live.

9. I Misfits sono stati il gruppo punk che più ha avuto ripercussioni sulla scena metal, che dai Metallica si protraeva fino ai lidi più malvagi. A livello di immaginario, la loro canzone più rappresentativa resterà sicuramente “Halloween”, seguita da "Teenagers From Mars".

10. Discografia consigliata: “Walking Among Us” (voto: 8), “Earth A.D.” ( voto: 8), “Static Age” ( voto: 8,5)