Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Captain Beefheart

  • Scritto da Orasputin

captain  beefheartL’uomo che ha scardinato le serrature della contaminazione tra generi, autore della più bastarda e sgangherata miscela musicale degli ultimi 40 anni ha deciso di porre fine a una lunga agonia. Con la sua Magic Band stravolse canoni e clichè del pop americano, applicando al suono della metropoli il canto degli uccellini ed altri suggestioni del mondo animale, Frank Zappa supervisore e due capolavori assoluti (“Safe As Milk” e l’allucinato e allucinante “Trout Mask Replica”).

Un vortice di pazzesche soluzioni che non ha risparmiato sottoboschi tra loro discostanti come il confine tra garage e punk, no wave e hip hop, blues nero e hard rock. Avanguardia sonora applicata alle nuove generazioni, note capaci di fluttuare in maniera libera e gratuita. La critica ha definito quello a “Trout Mask Replica” l’approccio più difficile e devastante a un disco di musica rock, al punto da trasformarsi in una vera e propria sfida tra uomo e supporto fisico, con la testa a rischio ammattimento sulla scia dei calcoli matematici di chitarre e bassi dall’andamento sincopato. E’ appena cominciato il viaggio alla (ri)scoperta del genio che più incompreso non si può. Ecco una manciata di dischi per i quali vale ancora la pena investire qualche soldo nella musica.

 

 

Discografia essenziale

- Safe As Milk (1967) / 9

- Stricly Personal (1968) / 8,5

- Trout Mask Replica (1969) / 9

- Lick My Decals Off, Baby (1970) / 8,5

- Bluejeans & Moonbeams (1974) / 7,5

- Shiny Beast (1978) / 8

- Ice Cream For Crow (1982) / 8