Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Douglas Adams (1952-2001)

“ D'accordo disse Pensiero Profondo, la risposta alla grande domanda....”
“Si...?”
“Sulla Vita, l'Universo e Tutto... disse pensiero profondo”
“Si...?”
“E'...disse Pensiero Profondo, e fece una pausa”
“Si..?”
“E'...”
“Si...???”
“Quarantadue, disse Pensiero Profondo con infinita calma e solennità.”

Basterebbe questo breve dialogo, per chiudere ogni discussione su Douglas Adams. Scrittore di fantascienza e non solo, umorista, sceneggiatore ma soprattutto grandissimo genio. “Guida galattica per gli Autostoppisti” la dovrebbero far leggere a scuola. Nata come programma radiofonico, più che una serie di libri di fantascienza (“una trilogia di cinque libri” per l'esattezza), si tratta di un vero e proprio manuale di ambientalismo, filosofia, ma soprattutto una  galassia di umorismo e ironia solo apparentemente senza senso. Lo scrittore di Cambridge rimarrà nella mente di tantissimi appassionati, nerd o semplicemente amanti della lettura, perché, diciamolo forte e chiaro le avventure di Arthur Dent sono un capolavoro della letteratura del '900, e non ci sono ma che tengano. Amante della tecnologia e grande sperimentatore della convergenza multimediale,  non a caso “la guida” nasce per la radio, diventa opera letteraria, si trasforma in avventura testuale e addirittura diventa un videogioco.

Detto questo, la produzione artistica di Douglas Adams non si è certo fermata lì. Meno famose ma assolutamente da leggere e approfondire, le avventure del Detective new age Dirk Gently raggiungono livelli altissimi, tra Dei, monaci e situazioni al limite dell'assurdo.

Non solo romanzi, ma anche assurdi vocabolari ( “The Meaning of Liff /The Deeper Meaning of Liff” ) e addirittura reportage sulla natura (“L'ultima Occasione”). Una vita (troppo breve) passata a sperimentare e flirtare con le diverse arti, dalla collaborazione con i Monty Phython, la sceneggiatura di varie serie TV, fino all'amicizia con David Gilmour dei Pink Floyd. Avete presente l'album “The Division Bell”? Il merito del titolo è tutto di Adams, partorito prendendo parole a caso dal testo del brano “High Hopes” .  

Cosa ci resta da dire? Immergetevi nel suo universo, non ne uscirete più. Buon viaggio!

Ps. Per ricordare Douglas Adams, il 25 Maggio di ogni anno si festeggia il “Giorno dell' asciugamano”,“l'oggetto pù utile che un autostoppista interstellare può portare con se”. Segnatevelo sul calendario!



Bibliografia consigliata:

Serie Guida galattica per gli autostoppisti:

“Guida galattica per gli autostoppisti” (1979)

“Ristorante al termine dell'Universo” (1980)

“La vita, l'universo e tutto quanto” (1982)

“Addio, e grazie per tutto il pesce“ (1984)

“Praticamente innocuo” (1992)

Serie Dirk Gently:

“Dirk Gently. Agenza di investigazione Olistica” (1987)

“La lunga oscura pausa caffè dell'anima” (1988)

“Il salmone del dubbio” (Terzo romanzo rimasto incompiuto a seguito della morte dell'autore e pubblicato nel 2002)


Articoli correlati:

- I migliori libri di fantascienza

- I migliori libri per Geek/Nerd