Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Post CSI @ Modena, 07 Febbraio 2015

  • Scritto da Enrico Tallarini
csimodena
“Ex”, “post”: poco cambia e poco importa. L'enorme storia musicale firmata C.S.I. continua a (ri)vivere in questo “Ciò che non deve accadere accade. Nessuna Garanzia per Nessuno”, che riporta sullo stesso palco i nomi e i cognomi di chi, questa avventura, ha contribuito a renderla così grande.

Massimo Zamboni, Giorgio Canali, Gianni Maroccolo, Francesco Magnelli, con l'aggiunta di Angela Baraldi alla voce e l'ex Üstmamò Simone Filippi alla batteria, a togliere un po' di polvere a un repertorio indimenticabile.

Lasciando perdere eventuali considerazioni sulle reali motivazioni che hanno portato a questa (parziale) reunion, anche perché fondamentalmente non ce frega un cazzo, facciamo un passo avanti e passiamo al concerto.
Certo è, che a vederli stretti in tre metri di palco, il fantasma di Ferretti compare, viene naturale, c'è poco da fare e va bene così.

L'Off di Modena è imballato di gente, nonostante le nevicate che in queste ultime ore hanno preso d'assalto l'Emilia Romagna. Ventitré e trenta: le note degli Smiths si dissolvono lentamente quando i sei prendono possesso del palco sulle note di “A Tratti”, che mettono subito in chiaro due cose. La prima, è che questi “ex ragazzi”, insieme, danno vita a qualcosa di incredibile e fanno la giravolta a tutto ciò che in Italia vi potrà capitare di ascoltare. La seconda, è che se il tempo non può scalfire canzoni come queste, a volte può bastare un'influenza a riportare a terra un suono e parole costantemente pronti a decollare. Detto questo, impuntarsi sui problemi di voce di una Angela Baraldi che, seppur malata, ha “resistito” due ore di concerto e dato tutto, sarebbe alquanto stupido.
Le parole di Giovanni Lindo Ferretti e dei C.S.I. ce le ho piantate dentro, le sento lo stesso.

In scaletta “A Tratti”, “Forma e Sostanza”, “In Viaggio”, “Unità di Produzione”, “Occidente”, “Finistère”, “Linea Gotica”, “Blu”, “Del Mondo”; e poi “Maciste Contro Tutti”, “Annarella” e “Narko'$” direttamente da “Epica Etica Etnica Pathos”, “Cupe Vampe”, “Mimporta 'Nasega”.

A chiudere il concerto, dopo quasi due ore, ci pensa “Il Nemico”, anticipo del nuovo progetto “Breviario Partigiano”, in arrivo ad Aprile.
Cosa riserverà il futuro C.S.I.?

Il futuro è sicuro. Un poco postumo, un poco prematuro” canterà Ferretti qualche anno dopo la fine del viaggio del Consorzio Suonatori Indipendenti.

Fanculo agli inconvenienti, cari Ex o Post o quellochevoletevoi C.S.I.. Sulla maglia di Giorgio Canali si legge “Complimenti per la Festa!”.

Ecco, ci siamo capiti.