Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Nick Cave & The Bad Seeds @ Bologna, 29 Novembre 2013

  • Scritto da Enrico Tallarini
nick cave bologna
nick-cave-bologna - nick cave bologna

Non è per niente semplice scrivere qualcosa su un concerto di Nick Cave.

Per questo motivo, e anche perché in passato ci ho già provato (Lucca e Roma), ho pensato che la cosa migliore sia girarci intorno, così, come fa un fan incallito che gira per ore intorno al luogo del concerto nella speranza di riuscire a incontrare, anche solo per un istante, l'uomo che gli ha stravolto la vita.

Quello di Re Inkiostro e dei suoi Bad Seeds, soprattutto dal vivo, è un altro pianeta. Un pianeta in cui se ci sei già stato ok, immagino capirai, altrimenti è inutile cercare di immaginare, e lo è anche continuare a leggere.

Nick Cave è una forza della natura. Catalizza migliaia di occhi anche solo muovendo il palmo della mano. E tu sei lì che non puoi fare altro che pendere dalle sue labbra, dalla sua voce e dalla sua infinita schiera di canzoni meravigliose.

Siamo a Bologna, il Paladozza è pieno come un uovo e Nick Cave è già lì, elegantissimo, a sputare in faccia alle prime file parole che si porteranno dietro per tutta la vita.

nick cave live bologna
nick-cave-bologna-paladozza - nick cave live bologna

E sì, sono arrivato tardi. Di cinque minuti, ma comunque tardi. Dell'apertura di Shilpa Ray, manco a dirlo, neanche l'ombra, che mentre suonava io ero a qualche centinaio di metri di distanza a complimentarmi con Conway Savage per la sua splendida giacca con interno maculato di giaguaro, nell'attesa di poter balbettare due parole anche a Lui, Nick Cave, l'artista (e l'uomo) che suo malgrado mi ha cambiato la vita.

Il freddo è insostenibile, ma lo sai che in quell'hotel c'è anche lui, e che prima o poi dovrà ben uscire. Il problema è che tra il “prima” e il “poi” passano diverse ore, e si sta facendo tardi, e il Paladozza non è proprio dietro l'angolo. E proprio quando stai per perdere le speranze, ecco che te lo trovi davanti.

La sua sagoma nera, il suo sguardo, un abbraccio e una foto ricordo e basta così, che l'ora è tarda e il concerto deve pur cominciare.

We Love You, Nick!”, “I love you Too!”: un botta e risposta difficile da dimenticare.

Da lì la corsa contro il tempo, l'arrivo al Paladozza, e uno show entusiasmante. Come sempre, del resto.

A fine pagina trovate la setlist e qualche video del concerto. Che sia che c'eravate, che no, potete farvi voi stessi un'idea di quello che è successo a Bologna lo scorso 29 novembre, per l'ultima data del tour europeo di quel performer incredibile chiamato Nick Cave.

Così vi evitate altri deliri inutili e una visione assolutamente di parte come la mia, che con Nick Cave ho smesso di essere imparziale più o meno dieci concerti fa.

Lunga vita a King Nick!

Setlist:

We No Who U R
Jubilee Street
Tupelo
Red Right Hand
Mermaids
The Weeping Song
From Her to Eternity
West Country Girl
People Ain't No Good
God Is in the House
Into My Arms
Higgs Boson Blues
The Mercy Seat
Stagger Lee
Push the Sky Away
We Real Cool
Deanna