Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Francesco De Gregori @ Modena, 04 Settembre 2015

  • Scritto da Enrico Tallarini
de_gregori_modena
de_gregori_modena - de_gregori_modena

Siamo all'Arena del Lago di Modena per assistere ad una delle ultime date del Vivavoce Tour di Francesco De Gregori, con cui l'artista romano sta portando in giro per l'Italia alcune tra le canzoni più belle di una storia musicale lunga oltre quarant'anni.

In attesa della data evento per il quarantennale di Rimmel all'Arena di Verona, De Gregori arriva a Modena per dare il via alla rassegna Modenarock, inserita nello spazio della Festa Provinciale del Pd e quest'anno alla sua prima edizione.

Principe e Banda salgono sul palco poco dopo le 21 e 30 e, nonostante non si trovino davanti a una platea da grandi occasioni, regalano il “solito” grande concerto.

Ad aprire la serata “Il Canto delle Sirene” e “Ti Leggo nel Pensiero”, a cui seguono "Finestre Rotte" e "Viva L'Italia", che inaugurano tra gli applausi un live come sempre straordinario.

In scaletta anche “Generale”, “Rimmel”, “Caterina”, “Niente da Capire”, “La Leva Calcistica del '68”, “La Donna Cannone”, “Buonanotte Fiorellino”, “Sotto le Stelle del Messico a Trapanàr”, “La Testa nel Secchio”, “Vai in Africa, Celestino!”.

Sale sul palco a sorpresa anche il fratello di De Gregori, Luigi Grechi, per un paio di duetti ne "Il Bandito e il Campione" e "Senza Regole".

Un bis e il gran finale con “A Chi”, già portata al successo da Fausto Leali, mettono i puntini sulle “i” all'ennesimo grande concerto del cantautore romano, accompagnato da una band ormai più che rodata e da canzoni entrate nella memoria collettiva di almeno tre generazioni.

"C'è un De Gregori per ogni età, per ogni stagione e per ogni stato d'animo. Un artista “in progress”, sempre coerente ma mai uguale a se stesso. Di fronte ci sono padri e figli, e anche nipoti, uniti da un affetto incondizionato e trasversale, di chi sa che dalle canzoni, da queste canzoni, c'è sempre qualcosa da imparare."