Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Belle and Sebastian @ Cesena, 08 Agosto 2014

  • Scritto da Enrico Tallarini
belle and sebastian cesena
Prendete una (stranamente) calda sera di mezza estate, aggiungeteci l'unica data italiana (isole escluse) di una delle indie-pop band più amate degli ultimi vent'anni e immaginate di sceneggiare il tutto in una location suggestiva di quelle che tutto il mondo ci invidia: solo così avrete un'idea di cosa sia stato l'atteso concerto dei Belle and Sebastian alla Rocca Malatestiana di Cesena.

Una di quelle rare occasioni in cui tutto va per il verso giusto. Perché stasera è davvero tutto perfetto, c'è poco da fare. A partire dalla qualità del cibo e dei punti ristoro che, inevitabile fila a parte, si riveleranno ben al di sopra della media concertistico-festivaliera.

L'atmosfera è rilassata, la Rocca comincia a riempirsi quando partono le note di Enrico Farnedi in versione solo e ukulele, a cui spetta il compito di aprire la serata.

Scende il buio, giusto il tempo di bersi un bicchiere volante ed ecco la carovana Belle and Sebastian salire sul palco in tutto il suo splendore. “Judy is a Dick Slap”, “I'm a Cuckoo”, “Another Sunny Day”: si parte alla grande, e si da il via a una festa collettiva sotto il cielo stellato di Cesena.

Mattatore della serata, come da pronostico, il divertente e divertito folletto Stuart Murdoch, che passerà la serata a giocare con il pubblico, soprattutto femminile, arrivando a portare sul palco una manciata di ragazze a ballare, fino a trascinarne un paio in cima alle mura della Rocca per una indimenticabile e surreale serenata pop.

Tra apprezzamenti alla location, continui ringraziamenti per la calda accoglienza, e dopo un paio di bis, la band scozzese lascia la scena, non prima di aver chiacchierato, firmato autografi e fatto foto con i fan per quasi un'ora, dimostrando una disponibilità fuori dal comune.

Si chiude alla grande questo appuntamento della rassegna “acieloaperto”, con il sorriso sulle labbra e le gambe che ormai vanno da sole, sulla discesa che dalla Rocca ci riporta alla realtà.