Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

ALESSANDRO FIORI @ Carpi (MO), 10 Agosto 2012

fioriMentre mezza Italia si ammassa in autostrada con la speranza di andare a fare la boa al mare, chi vi scrive si ritrova catapultato nella bassa modenese, più precisamente a Carpi, per assistere al concerto di Alessandro Fiori. Ed è bello scoprire che c'è sempre qualcosa da scoprire.

La prima scoperta ce l'abbiamo quando veniamo a sapere che il Coccobello, versione estiva del Kalinka, quest'anno, cause di forza maggiore piuttosto note, è stato magicamente spostato e integrato con la festa “Reagiamo”, che poi non è altro che la Festa del PD rinominata con un gioco di parole che è meglio che non sto a spiegarvi.

La seconda sorpresa, molto più gradita, porta il nome di Marco Parente, già con Fiori nei Betti Barsantini e stasera sul palco a colorare una performance che riuscirà alla perfezione. Sorpresa numero 3: le zanzare, che ovviamente sono più delle persone ma che forse proprio per quest'effetto “pena” evitano di pungere.

Ecco, le persone, quelle che non sono mai abbastanza, che per un motivo o per l'altro, autostrada o no, non ci sono mai, quelle andrebbero prese di forza e portate a delle serate del genere. Perchè Alessandro Fiori va ascoltato, ma va anche visto. Visto mentre sorride e fa esplodere la voce, mentre scherza e fa di tutto per rendere ogni serata diversa dalle altre, unica.

Fiori e la sua camicia floreale, voce e chitarra; Parente ad alternarsi tra chitarre e percussioni: tanto basta per “gelare” e impressionare un pubblico che ascolta divertito, e che dimostrerà il suo affetto svuotando il banchetto dei dischi a fine concerto.

Un concerto iniziato alla grande con “Tutta Roba Marca” e “Lungomare”, che vola alto con “Idrocarburi” e “Fuori Piove” e pesca anche dal repertorio degli Amore (“Le Dighe dell'Enel”, “Porco Diaz” e la stessa “Tutta Roba Marca”) e dei Betti Barsantini (“Area Pic-Nic”).

Oltre un'ora di canzoni, dove i ricordi si mescolano ai sorrisi in un clima intimo, da camera, minato solo dall'invasivo semi-playback del truffatore che pochi metri più in là infiamma una balera di over sessanta. L'inceppo iniziale di “Senza le Dita”, l'esilarante racconto di “Fiaba Contemporanea”, la sghemba “Catino Blu”: tutto scorre per il meglio, fino alla chiusura con “La Vasca” e “Lucyfer Wash”, e Fiori seduto all'organo.

Il tempo di una sigaretta e come per magia spuntano anche “Le Pizze” e “Trenino a Cherosene”, richieste da un pubblico accontentato anche in questo.

E poi niente, se non che come sempre, quando si ha a che fare con artisti del genere, si torna a casa appagati e contenti. Anche il non aver avuto un'anticipazione live delle canzoni del nuovo disco in uscita (il 20 settembre) si rivela cosa buona.

Un motivo in più per tornare a sentirti, Alessandro. Qualora ce ne fosse bisogno.

Guarda tutte le foto del concerto

 

Articoli Correlati:

Alessandro Fiori: "Attento a Me Stesso"

Alessandro Fiori: "Questo Dolce Museo EP"

Alessandro Fiori @ Senigallia (AN), 15 Ottobre 2010

Betti Barsantini @ Lunano (PU), 5 Aprile 2012