Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Simona Gretchen: "Gretchen pensa troppo forte"

  • Scritto da Enrico Tallarini

simona gretchen“A volte è più forte il pensiero di avere pensato qualcosa di vero”

"Gretchen Pensa Troppo Forte" è un disco come tanti. Puzza di plastica, e se ne sta innocuo, addormentato nella sua casetta artificiosa, col bollino argento SIAE che garantisce e contiene. Poi lo apri e scopri che c’è di più, che c’è molto di più.


Simona Darchini, in arte Simona Gretchen, ha qualcosa da dire. E quello che ha da dire lo dice, lo canta, senza nascondersi. Canta in italiano Simona Gretchen, e se lo fa è perché è cosciente che le righe pesano più di ciò che ci sta in mezzo. Finiamola con questa storia dell’inglese. Non l’ho mai capita questa storia.

Non capisco come si possa parlare in italiano dal lunedì alla domenica, e persino sognare in italiano, e poi quando è ora di fare musica scrivere e cantare in inglese. Se vivi in Italia, vivi in italiano e canti in inglese, è molto probabile che tu lo faccia perché non hai nulla da dire, figuriamoci da cantare. Non giriamoci intorno, la musicalità della lingua e il successo oltre-confine c’entrano poco. Non hai nulla da dire e dietro al nulla ti nascondi. E allora per quale strano motivo uno dovrebbe perdere del tempo dietro i tuoi mugolii poco senso e tanto clichè? Per fortuna questo discorso con la Gretchen non ha niente a che vedere. Simona Gretchen e le sue undici canzoni sono l’esempio lampante di come ancora sia possibile fare buona musica italiana in Italia. Undici piccole perle, in bilico tra cantautorato e rock, rumore e dolcezza.

Un disco pieno, di quelli che ti fanno imparare le canzoni a memoria e spulciare con attenzione anche i crediti e i ringraziamenti nel libretto dell’album. Un disco pieno, pieno di parole. Parole pregne, calibrate, probabilmente nate prima dell’idea di una loro possibile messa in musica. Parole che raccontano, che si vedono, che esondano la metrica perché anche se lo spazio è poco loro ci vogliono e ci devono stare. Gretchen è un personaggio femminile del “Faust” di Goethe, Gretchen è un personaggio sorprendente e da seguire. Gretchen dev’essere ascoltata. “Alpha Ouverture”, “Le Mie Fate”, la splendida "Cera”, “Simpatia per B.C.” devono essere ascoltate.

Se per metter mano al portafoglio avete bisogno d’altro, sappiate che il disco condensa PJ Harvey e la Germano con De Andrè e i Velvet Underground, e li frulla sotto la sigla CSI. Affascina la voce di Simona Gretchen, così sottile, affaticata, che sembra sempre lì lì per non farcela. Ma ce la fa, ce la fa e dipinge. Sinceramente non saprei più cosa dirvi. E datela ‘sta martellata a quel porcellodanaio impolverato e compratevi il disco.

Gretchen Pensa Troppo Forte. Fatelo anche voi.

Voto: 7,5


Info:

Disco Dada Records, 2009

Songwriter

 

Tracklist

01. Alpha Ouverture

02. Le Mie Fate

03. Cera

04. Fockus

05. Due Apprendisti

06. Bianca In Fondo al Mare

07. O Nostre Pelli

08. Vuota

09. Simpatia per B.C.

10. Ieri

11. Non Trovo Più Le Chiavi