Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Shed of Noiz: Ad Sidera

  • Scritto da Giacomo Persiani
ad sidera
Gli Shed of Noiz, band della costa livornese e con già alle spalle due EP e un album, tornano alla carica con il nuovo album, “Ad Sidera”, fuori per i siciliani di Sinusite Records.

Avendo già alle spalle qualche anno di esperienza, i toscani si prendono qualche rischio in questo album, ma la carta della sorpresa si rivela vincente per spezzare i ritmi del disco, che in un panorama attuale come questo dove gli album di rock italiano escono fuori come funghi rischierebbe di passare totalmente inosservato. Ed invece è proprio la fusione fra diversi stili musicali che premia gli Shed of Noiz e il loro lavoro. Ci sono i riff stoner, di cui il basso nel singolo “La nostra rotta” è forse il miglior esempio, ci sono le incursioni nella musica etnica di “Ovest”, c’è un cantato melodico che fa da collante a tutto. Ecco, forse con la voce si poteva osare qualcosa in più, in modo da ricercare quel lato eclettico mostrato con le composizioni musicali. Va però detto che non è un male mirare a ritornelli orecchiabili, e quindi alla fine può anche andar bene così.

Anche la produzione generale dell’album talvolta appare un po’ morbida, e forse sono le chitarre ad uscirne un po’ sacrificate, anche se si lasciano comunque apprezzare. Sì perché seppur senza virtuosismi eccessivi, è proprio la parte chitarristica quella che forse vince la sfida interna alla band, non deludendo mai e presentando tante versioni di se stessa, sempre vincenti.

Quindi sì, qualche difetto questo album potrà anche averlo, ma niente che possa inficiare sul piacere di ascoltare questo “Ad Sidera”, un album dove onestà di intenti e voglia di ricerca sonora si sposano perfettamente, regalandoci più di un motivo per tener d’occhio questi ragazzi.
VOTO: 7

INFO:
Sinusite Records 
Alternative rock


TRACKLIST:
1. La Nostra Rotta
2. Jimmy Massey (Come Cowboy)
3. Più ci pensi meno Lo-Fi
4. Soyuz
5. Ovest
6. 4351
7. Vucciria
8. Ut
9. Atto III