Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Tinariwen: Tassili

  • Scritto da Orazio Martino

tinariwen tassili "Tassili" è il nuovo album dei Tinariwen, la band africana più apprezzata del momento. Un lavoro profondo, ricco di suggestioni e sfumature, che riflettono l'ardore e la passione del leader incontrastato Ibrahim Ag Alhabib, uno che imparò a suonare la chitarra nei campi africani dove Gheddafi addestrava i suoi discepoli. 7 buoni per non lasciarselo scappare, non Gheddafi, il disco!

1. Perchè c'è un universo tutto nuovo che vi aspetta dietro l'angolo. C'è un suono desertico, suggestioni da mille e una notte e una brezza musicale che si genera da canzoni profonde e ricercate.

2. Perchè- per incentivare la fruizione da parte del ceto medio occidentiale – potrei citare due special guests favorevolissimi al processo di globalizzazione musicale: Nel Cline (Wilco) e Tunde Adebimpe, inconfondibile voce dei Tv On The Radio, che presta le sue corde vocali nel ritornello apparentemente pop di "Tenere Taqqim Tossam".

3. Perchè, dopo aver bonificato le paludi del rock, i Tinariwen sono approdati a un blues di matrice sahariana, che si distingue per i suoi cori sciamanici e l'utilizzo (impeccabile) della strumentazione acustica. "Ya Messinagh" è un piccolo capolavoro!

4. Perchè "Tassili" è la più efficace bomba culturale formato musicale dai tempi delle collaborazioni tra Ry Cooder e Ali Farka Tourè. "Walla Lla" ne ripercorre i sentieri.

5. Perchè ci sono le emozioni di una lingua diversa. Storie, leggende, sacrifici, peregrinaggi di ogni tipo rivivono tra i solchi di queste splendide 11 tracce.

6. Perchè la cultura africana preserva la propria bellezza contaminandosi con la musica dei Tinariwen. Tutt'altro che conservatori.

7. Perchè la cartella con l'ultimo disco degli Horrors rischia di trasformarsi in un innoquo ammasso di Mp3, una robetta da cestinare insomma, sempre che voi abbiate la mentalità aperta e quindi la voglia e il coraggio di sperimentare qualcosa di seriamente diverso. A cominciare dall'ipnotico sound di questo micidiale combo africano.

Voto: 7

 

Info:

V2, 2011

Desert blues

 

Tracklist:

1. Imidiwan Ma Tennam

2. Asuf D Alwa

3. Tenere Taqqim Tossam

4. Ya Messinagh

5. Walla Illa

6. Tameyawt

7. Imidiwan Win Sahara

8. Tamiditin Tan Ufrawan

9. Aden Osamnat

10. Tenidagh Hegh Djeredjere

11. Iswegh Attay