Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

JANE'S ADDICTION: The Great Escape Artist

  • Scritto da Orazio Martino

jane's addiction the great escape artist A 8 anni da "Strays", i Jane's Addiction tornano alla ribalta con un un album, "The Great Escape Artist", che alterna buoni propositi a strafalcioni inarrivabili. Da grande fan della premiata ditta Farrel /Navarro, vi avviso che il sound è diventato più commerciale e radiofonico. I punti di riferimento, invece, non sono mutati di una virgola. Da un lato il chitarrismo variopinto di Dave Navarro, dall'altro il cantato sibilante dell'oramai cinquantenne Perry Farrel (alti e bassi, naturalmente, inclusi nel prezzo).

Ma sono quelle canzoni in bilico tra incredulità, noia e scandalo a "fare la differenza". Non stiamo parlando di ballate strappalacrime o lande melodiche appena pizzicate, semplicemente di svarioni clamorosi nel percorso di scrittura e sceneggiatura. Canzoni prive di mordente: rassegnate, piatte, come una partita di calcio dall'esito già scritto. La cavalcata radiofonica per camionisti sfigati "Ultimate Reason" andrebbe cancellata all'istante: scorrere ultra-piatto di barrè scontatissimi e vocalità solo apparentemente psichedeliche. Di una comicità imbarazzante è, ad esempio, il ritornello di "Twisted Tales", che si snoda secondo modalità da hit parade ed è sicuramente il punto più basso mai toccato in carriera dalla band. La partenza, invece, è interessante: un riff potentissimo ("Undeground"), distorsioni in mid-tempo ("End To The Lies"), un rockettino azzeccato ("Curiosity Pills") e un singolo,"Irresistible Forces", che gioca sull'ambiguità vocale di Perry Farrel nonostante a primo impatto possa interessare ben poco. Col botto è la chiusura di "Words Right Out On My Mouth", un rock'n'roll oscuro ed incazzato con le chitarre di Navarro a disegnare autostrade di riff imprevedibili, ma è veramente troppo poco nell'ottica di un ritorno atteso 8 (lunghissimi) anni.

Dove sono finiti i fuori di testa che infiammavano i palchi di mezzo mondo? Di certo la risposta non la trovate in questo disco.

Voto: 5

 

Info:

Capitol, 2011

Rock

 

Tracklist:

1. Underground

2. End to the Lies

3. Curiosity Kills

4. Irresistible Force

5. I'll Hit You Back

6. Twisted Tales

7. Ultimate Reason

8. Splash a Little Water on It

9. Broken People

10. Words Right Out of My Mouth