Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Hot Head Show: The Lemon Lp

  • Scritto da Joshuapibody

hot head show the lemon ep I Primus si sono imbarcati in un nuovo tour, e chi si portano dietro? Questo trio inglese dedito a un funk rock storto e schizzato, molto simile a quello proposto dal trio californiano. Sono i nuovi beniamini di Les Claypool, facile capire perché. Tempi dispari, funk, blues, reggae, voce burbera da ubriacone schizzato à la Tom Waits, tenuti insieme da uno spirito sardonico e allucinato di matrice zappiana trasferito in un universo alternative rock anni 90. Inizi ad ascoltarlo e chi ti vengono in mente sono sempre loro, dalla prima all’ultima canzone, non che sia un peccato anzi, la band di Jordan Copeland riesce comunque a navigare a vista nell’universo assurdo e straniante creato da Claypool e compagni, riuscendo a creare una propria versione del tema.

"The Lemon Ep" srotola un tappeto sonoro di canzoni non facili e decisamente appaganti nei ripetuti ascolti, poco importa se li hai già sentiti. Lo spirito anarchico è quello giusto, le incursioni in un universo da vaudeville intinto in esplosioni da pogo assicurato ci sono tutte. 11 pezzi per lo più caratterizzati da un andamento sregolato diviso tra controtempi jazz ed esplosioni di chitarre con un barbone sul palco a biascicare discorsi senza senso, ma quando i ritmi rallentano e si trasformano in ballate dal sapore latino o blues non puoi più lasciarli. "Hotel Room" non puoi fare a meno di biascicarla ad alta voce tra fisarmoniche e un gruppo di gitani da fiera. Se poi ti trovi in un manicomio e l’orchestra di pazienti attacca un reggae che si srotola senza un apparente senso perdendo pezzi ovunque tra urla schizoidi, "Ritalin" gli assomiglia molto. "Donkey" è come esser per strada, un mendicante attacca un blues senza capo né coda, ma per dio è cosi divertente e coinvolgente che la gente gli si fa intorno e incomincia a cantare uno strano ritornello senza senso.

Forse sono finti, forse al prossimo giro diventeranno la macchietta di se stessi, l’anarchia si sgonfierà come un palloncino bucato, ma per ora il vecchio Les ci ha visto giusto, poco importa se ai concerti ci toccherà sentire due Primus al prezzo di uno.

Voto: 6,5

 

Info:

Hakisac, 2011

Jazz/Funk Rock

 

Contatti: http://www.hotheadshow.com/

 

Tracklist:

1- Bummer

2- Payload

3- Chopstickabeani; Bambini

4- Hotel Room

5- Whiskey Pocket

6- What Goes Around

7- The Lemon

8- Blessed Polynomial

9- Ritalin

10- People ( i feel sad for them )

11- Donkey