Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Ampersand: "Dead One And a Horse"

  • Scritto da Orasputin

ampersand Mettete in moto il cervello e provate a mixare l’electro clash dei Blackstrobe, gli ZZ Top più melmosi e le potentissime sonorità dei Soulwax.

Ne verrano fuori gli Ampersand da Colonia, Germania. Supportato da una manciata di date sul nostro territorio, “Dead One And A Horse” è in assoluto una delle più grosse novità di fine stagione, un disco dall’impatto potentissimo e dalla scrittura contagiosa. Originalissimo nell’equilibrare sonorità diametralmente opposte, il disco è uno schiaffo morale alle scopiazzature sonore che ci giungono, puntuali ogni due mesi, direttamente dal mercato straniero. Dieci tracce in grado di far lievitare -e non poco- le quotazioni live del terzetto teutonico. E’ un’aggiornata corrente rock psichedelica quella che galoppa tra i solchi del nostro lettore, a volte si ha quasi l’impressione di stare a contemplare una versione funkeggiante dei Queens Of The Stone.

Non a caso l’abilità degli Ampersand sta proprio nel riuscire ad alternare una fluidità tipicamente psych rock a sensazioni ballabili figlie dell’elettronica europea. Il tutto senza scarnificare minimamente l’utilizzo di chitarre elettriche, per l’occasione assolutamente micidiali. Il tocco di classe lo danno la voce femminile di Melèe in “Chasseur De Tete” e le seducenti inserzioni di sax filtrato. Spettacolare il battibecco vocale di “Home Tom”, “That Day” è un rock danzereccio come non lo si udiva dai tempi dei primi Liars, con un’impostazione chitarrosa che ha l’impatto di una muraglia. “Tony Tony” manderebbe in visibilio arene rock intere, se solo fosse in vigore la tanto invocata giustizia musicale, quell’osannato tribunale della musica che sbatterebbe agli arresti domiciliari i Muse per accogliere questa splendida realtà nell’area top del rock europeo. Un rock sfacciato e senza fronzoli, poco modaiolo e di matrice “fun”.

In poche parole un sound modernissimo. “Dead One And a Horse” è un disco che, in un modo o nell’altro, dovreste assolutamente procurarvi.

Voto: 7

 

Info:

Rakete Musica, 2010

Power Rock

 

Tracklist:

01. Home Tom

02. That Day

03. Everyone Stares

04. Tony-Tony

05. Make ‘Em Bleed

06. Closer

07. Chasseur De Tete

08. Take It

09. Don’t Let It Go

10. Dead One In A Horse