Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Un mese a fumetti: Novembre 2013

  • Scritto da Marco Tonelli
consigli fumetti Ritorna a farsi sentire la rubrica più seguita dagli amanti della carta, dell'inchiostro e soprattutto delle nuvolette che tanto ci fanno sognare. Anche quest'anno è impossibile non parlare dell'edizione 2013 del Lucca Comics (inutile che aggiunga altro!).

Da Giovedi 31 Ottobre a Domenica 3 Novembre, ci ritroveremo tutti nella città toscana a festeggiare e a perpetrare il culto della nona arte.

Se non sapete cosa acquistare o avete bisogno di conferme e certezze, prendete appunti e fatevi del bene, per Dio!

Buona lettura.


L'USCITA DEL MESE:

“Battling Boy” di Paul Pope, Bao Publishing, pagine 208 a colori, prezzo 19,00 Euro.

“Atteso da anni, il nuovo lavoro lungo di Paul Pope è arrivato! Esce in contemporanea con gli USA la prima metà della saga di Battling Boy, un ragazzo destinato a seguire per necessità le orme del più grande eroe del suo mondo. Dotato di una carta di credito magica, una valigetta con dodici t-shirt capaci di donargli i poteri delle creature ritratte sulle singole magliette e un'incrollabile forza di volontà, Battling Boy è un nuovo tipo di eroe per giovani lettori, che piacerà davvero a tutti. Lasciatevi conquistare dalla visione artistica e avventurosa dell'autore più talentuoso dell'ultimo ventennio.”


I FONDAMENTALI:

“Y l'ultimo uomo” di Brian K.Vaughan, pubblicato in Italia da Magic Press, Planeta Deagostini e ora Rw Edizioni, 60 numeri disponibili nel nostro Paese in una decina di volumi.

“Nell'estate del 2002, una pestilenza di origine ignota ha distrutto ogni spermatozoo, feto e mammifero maturo con il cromosoma Y, con la sola apparente eccezione di un giovanotto e della sua scimmia. Questo "genericidio" ha sterminato in un solo istante il 48% della popolazione globale, all'incirca 2,9 miliardi di uomini. Ora, con l'aiuto del misterioso Agente 355, l'ultimo maschio del genere umano, Yorick Brown, deve affrontare un gruppo di pericolose estremiste, cercare di ricongiungersi con la sua ragazza dall'altro lato del globo e scoprire perché è l'ultimo uomo ancora in vita.”

“Lo Sconosciuto” di Magnus, Rizzoli Lizard, pagine 416 in bianco e nero, Euro 25,00.

“Mi chiamo Unknow senza ‘N’ in fondo. Suona come ‘Sconosciuto’ perché sono in pochi a conoscermi. Torna Lo Sconosciuto, iconico antieroe senza identità: tutto il sapore del sangue, del piombo e della rivoluzione in dodici racconti di crudo realismo e cieca violenza. Dal genio di Magnus il capolavoro del fumetto d’autore in edizione integrale. “È piena di incubi e di bruschi risvegli, di cicatrici vetuste e di ferite fresche di giornata, persino di viaggi nell’aldilà da cui una mano pietosa lo salva all’ultimo istante, riportandolo nell’aldiqua prima che sia troppo tardi, la lunga avventura dello Sconosciuto. Quanto male si può fare a chi si ama?” dalla prefazione di Graziano Frediani “I personaggi nascono prima dell’inizio della storia, hanno già un passato. Ognuno di loro si porta dietro il suo destino.”



GRAPHIC JOURNALISM:

“Architetture resistenti” di Raul Pantaleo, Luca Molinari &Marta Gerardi, Becco Giallo Edizioni, Pagine 128 a colori, Euro 13,60.

“Gli stabilimenti Olivetti a Pozzuoli, il Museo dell'Olocausto nella Risiera di San Sabba a Trieste, il Parco Archeologico di Selinunte a Trapani, il Museo della Memoria a Bologna, l'Auditorium dell'Aquila. Le Architetture Resistenti, come l'acqua, la terra e l'aria che respiriamo, fanno parte del nostro quotidiano e ci aiutano a vivere meglio. Sono militanti, coraggiose, visionarie, celebrano la voglia di resistere: al fascismo, alla speculazione, all'economia selvaggia, all'ingiustizia, alla devastazione dell'ambiente, alla barbarie. Rifiutano la spettacolarizzazione e la monetizzazione della realtà, la concezione degli architetti come divi dello spettacolo, la moda effimera e superficiale. Ritrovano etica e creatività, diritti e innovazione, bellezza e futuro, partecipazione e consapevolezza, l'idea di un'architettura come mezzo e non come fine, o forse solo come bene comune.”


LA CHICCA:

“Lo svedese” di Christophe Gaultier, Coconino Press, pagine 100 a colori, Euro 17,50.

“Nebraska, “dove inizia il mitico West”. Anno 1898. La sala comune dell’unico albergo di un piccolo paese. Mentre fuori infuria da ore una violenta bufera di neve, quattro uomini cominciano una partita a carte. Uno di loro è il misterioso Svedese, dalla risata strana e allucinata, alto e pallido come un fantasma. Appena arrivato col treno, ha detto: “So già che morirò ammazzato in questo posto”. Gli altri ospiti (un cowboy, un pacifico ometto con gli occhiali in viaggio dall’Est) e il figlio dell’albergatore irlandese lo considerano un innocuo svitato. Ma la notte avanza, la partita a carte prosegue, e per ciascuno dei giocatori si rivela poco alla volta un appuntamento col destino. Di Christophe Gaultier, uno dei talenti più originali della nouvelle vague del fumetto francese, un western cupo e metafisico che dà i brividi.”