Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Batman-La Gestione Morrison (Part 5)

 

Il club degli eroi

Il club degli eroi - Il club degli eroi
Un uomo è prigioniero, legato a testa in giù. Colui che lo ha rapito elogia un'organizzazione misteriosa chiamata Guanto Nero e si chiede se sia più forte il Bene o il Male. Batman e Robin, a bordo del Batplano, volano verso un'isola dei Caraibi, invitati in una villa dal miliardario John Mayhew. Atterrati, s'imbattono in Cyril Sheldrake, il Batman d’Inghilterra, che con altri uomini aveva costituito il Club degli Eroi, un gruppo di giustizieri ispirato a Batman che si era sciolto ben presto. All'incontro nella villa manca ancora Mayhew, ma ci sono gli altri membri del Club degli Eroi: il Moschettiere e il Legionario (rispettivamente francese ed italiano, entrambi ritiratisi da tempo), l’Uomo dei Pipistrelli e Corvo Rosso, (due giustizieri Sioux di una riserva indiana), Wingman (svedese), Dark Ranger (australiano), El Gaucho (argentino) e Beryl Hutchinson (la ragazza che fa da scudiero del Cavaliere d’Inghilterra). All'improvviso si accende un monitor e appare un uomo che, dopo aver detto di aver ucciso Mayhew, ne indossa la pelle e sfida il gruppo di eroi a risolvere il caso. Fuori dalla villa i mezzi degli eroi esplodono. Pochi minuti dopo il Legionario muore accoltellato alla schiena nella stanza di controllo dei monitor.
Nel passato, durante una riunione del Club degli Eroi, c'era stato un diverbio, sedato dal Legionario, tra il padre dell'attuale Cavaliere d'Inghilterra e Mayhew. Durante la perlustrazione della villa, dopo aver esaminato il corpo del Legionario, quei rancori riemergono e si scopre che esisteva anche un Club dei Criminali, composto dagli ammiratori dei rivali di Batman. Nel frattempo, il Cavaliere d'Inghilterra viene aggredito e gli viene fatta ingerire una bomba. Mentre l'Uomo dei Pipistrelli rimane con il Cavaliere, gli altri proseguono la perlustrazione. A perire questa volta è Wingman: il suo corpo carbonizzato viene rinvenuto da Robin, lo Scudiero, El Gaucho e il Moschettiere.

Mentre l' Uomo dei Pipistrelli gli estrae l'ordigno con un tizzone ardente, nella mente del Cavaliere d'Inghilterra tornano alla mente gli avvenimenti della notte del litigio tra il padre e Mayhew e delle misteriose accuse che il vecchio Cavaliere aveva rivolto al miliardario.

Robin, Beryl e Corvo Rosso, nel frattempo, vengono rapiti dal misterioso El Sombrero, un vecchio nemico del Club in grado di creare illusioni. All'improvviso appare Dark Ranger che colpisce da lontano El Gaucho. Batman, però, capisce subito che non si tratta del vero Dark Ranger ma di Wingman: Dark Ranger, infatti, era mancino, mentre Wingman aveva usato la mano destra. Si scopre così che Wingman, invidioso di Batman, voleva distinguersi e l'unico modo era usare il Club degli Eroi. El Gaucho sconfigge Wingman, mentre l'Uomo dei Pipistrelli salva Robin e Corvo Rosso da una trappola di El Sombrero. Questi spara a Wingman mentre confessa e lo uccide, poi fugge a bordo di un biplano. Batman lo raggiunge e scopre che El Sombrero è in realtà Mayhew, il fondatore del Club. Mayhew, impazzito, voleva provare l'ebrezza dell'omicidio perchè era l'unica emozione che gli mancava nella vita. Per farlo aveva vestito i panni di El Sombrero e inscenato la trappola in combutta con Wingman. Mayhew si getta dal biplano: mentre precipita, la voce misteriosa che lodava il Guanto Nero gli dice che ha perso e che per ora la vittoria va al Bene. Mentre i sopravvissuti volano via, l'isola esplode.

Morrison é forse un nostalgico della Silver Age? Così sembrerebbe, almeno a giudicare da come recupera personaggi ed elementi da quell'epoca del fumetto americano. In realtà lo sceneggiatore scozzese è un profondo conoscitore dei comics che ama quel periodo e la sua operazione è ben più complessa ed ingegnosa, un'operazione che non si limita a recuperare. Lo sceneggiatore scozzese, infatti, non solo recupera, ma rielabora, attualizza e contestualizza ciò che ha ripreso dal passato. Un progetto senza dubbio ambizioso, dal momento che riprende personaggi e concetti snobbati per decenni, personaggi ed eventi che i più hanno dimenticato (o addirittura mai conosciuto) e li pone come punti cardine della sua gestione. Se, ad esempio, ne "I Tre Spiriti di Batman" alcuni eventi inspiegabili lo avevano condotto a creare il misterioso Schedario Nero, ora recupera "Il Club degli Eroi" per presentare una misteriosa organizzazione criminale chiamata Guanto Nero. In questo senso i concetti ripescati dalla Silver Age sono uno strumento fondamentale per introdurre nuovi personaggi e nuovi eventi e ne diventano addirittura parte integrante.

I personaggi del Club degli Eroi presentati in questa story-arc risalgono dunque agli anni 50: il Cavaliere e lo Scudiero erano apparsi per la prima volta in Batman 62, Wingman era comparso sul 65, mentre l'Uomo dei Pipistrelli e Piccolo Corvo avevano esordito sul numero 86.

In Detective Comics 215 (1955), invece, era stata la volta di El Gaucho, il Moschettiere, il Legionario e il Ranger (l'attuale Dark Ranger). Edmond Hamilton e Sheldon Moldoff, gli autori dell'episodio, li avevano fatti partire alla volta di Gotham City per sottoporli ad un addestramento con Batman e Robin. In questa storia il Dinamico Duo e i Batman di Tutte le Nazioni (questo il nome cui era stato dato al gruppo) si erano poi scontrati con Nudos Cardine, un boss locale.

Ma la reunion di tutti questi personaggi avviene su World's Finest Comics 89, in cui il miliardario John Mayhew invita Batman e Robin, Superman, il Cavaliere e lo Scudiero, El Gaucho, il Legionario e il Moschettiere ad unirsi nel Club degli Eroi, con sede a Metropolis.

I disegni della saga di Morrison sono invece affidati a James H. Williams III, grandissimo artista conosciuto per l'inventiva e le soluzioni originali che utilizza nei suoi lavori. Williams, ad esempio, riesce ad interpretare ogni sequenza di una storia con uno stile diverso. In questa story-arc, addirittura, lo stile varia da personaggio a personaggio in un felicissimo contrasto di stili che coinvolge anche la rappresentazione degli sfondi. Lampi di genio anche nella costruzione delle tavole: l'arte di Williams, infatti, non comprende solamente quello che va raffigurato nella vignetta, ma anche la struttura della pagina e perfino la forma di una vignetta. In questo senso sono fantastiche le vignette a forma di guanto, non solo per un discorso grafico ma anche per la valenza simbolica che assumono. Con questo espediente, infatti, il lettore avverte con più forza come il destino del Dinamico Duo e del Club degli Eroi sia nelle mani del Guanto Nero, che potrebbe colpire uno qualsiasi tra loro in qualunque momento. Operazione grafica che viene fatta anche in altre tavole, in cui le vignette assumono la forma del pipistrello, e che raggiunge l'apice in una tavola doppia del numero 668, in cui una vignetta a forma di guanto contenente Batman si sovrappone e taglia a metà una vignetta a forma di pipistello a sua volta suddivisa in altre vignette. Altro esempio potrebbe essere la sequenza verso la fine del numero 669, dove vengono presentate contemporaneamente due sequenze con protagonisti rispettivamente Robin e Batman. In questo caso l'artista finge di sovrapporre sulla pagina due tavole diverse: una con la sequenza di Batman e l'altra con quella di Robin. Williams, inoltre, è ben assistito dalla raffinata colorazione di Dave Stewart, che varia lo stile cromatico a seconda del tratto utilizzato dal disegnatore. Eccezionali anche i flashback che aprono i numeri 668 e 669: Williams si cimenta nello stile tipico della Silver Age e Stewart lo segue con la colorazione puntinata tipica dell'epoca e ne riproduce addirittura i difetti tipografici, oltre che il colore della carta ingiallita dal tempo.

Questo ciclo dedicato al Club degli Eroi ha dunque una doppia funzione: da un lato serve a riproporre (con una classe che non può lasciare indifferenti i palati fini) un gruppo di personaggi amatissimo da Morrison; dall'altro lato (decisamente più pratico) serve ad introdurre il Guanto Nero, misteriosa organizzazione criminale che avrà un ruolo di primissimo piano nel futuro prossimo dell'Uomo Pipistrello.

 

Info:

IL CLUB DEGLI EROI

Testi: Grant Morrison

Disegni: J. H. Williams III

Edizione originale: Batman 667-668-669, DC Comics

Edizione italiana: Batman 12, Planeta De Agostini

 

pag 5/6:  precedente successiva