Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Altre storie brevi e senza pietà (Marco Taddei & Simone Angelini)

  • Scritto da Marco

La vita è un ottovolante in un brutto Luna park che cade a pezzi. Un viaggio senza ritorno in un tunnel del grottesco, in cui non puoi far altro che lasciarti trascinare in un vortice di pazzia, perfidia e soprattutto disillusione. Tutto questo viene masticato e rigurgitato da “Altre storie brevi e senza pietà”, il ritorno in grande stile degli affreschi narrativi messi in piedi da Marco Taddei e disegnati da Simone Angelini. Ad un anno di distanza dal precedente, ritornano a farsi ascoltare i protagonisti di quel teatro dell'assurdo che si chiama esistenza.

Lo ammetto, se il primo capitolo delle “storie” era leggermente fuori fuoco, con questa nuova galleria di ritratti brevi e allucinati si raggiungono livelli più che sufficienti. Non si può non notare infatti, una crescita notevole dal punto di vista della scrittura, capace di raggiungere livelli di surrealismo decisamente sopra la media. Le otto vicende messe in scena da questa raccolta di racconti a fumetti spingono l'acceleratore verso un pozzo senza fondo in cui l'immane tragedia del nostro destino si mischia in parti uguali con un'umanità sfrenata e senza limiti. Un senso di profonda empatia che traspare con forza e irruenza, senza mai lasciarsi andare ad un cinismo fine a se stesso.

Misteriose sparizioni, insetti che acquistano sembianze fin troppo umane, la banalità della morte o la spietata quotidianità dell'inferno, diventano gli specchi attraverso cui scrutare noi stessi. Un vero e proprio buco della serratura esistenziale che meriterebbe un'attenzione maggiore nei confronti dei disegni e delle illustrazioni. Anche in questo caso abbastanza banali e poco incivisi nell'impatto visivo e soprattutto comunicativo. Se da una parte non si può non apprezzare la volontà di rendere il tutto in maniera surreale e grottesca, dall'altra sono evidentissime le carenze dal punto di vista stilistico. Insomma, un approccio alla materia che non schiaffeggia il lettore come dovrebbe.

Nonostante alcuni difetti non da poco, si consiglia caldamente la lettura. Una fotografia di quelle inaspettate, capace di ritrarre con dovizia di particolari la nostra vera (e abominevole) natura. Direi che ne abbiamo bisogno, non siete d'accordo?

Info:

Scritto da Marco Taddei, disegnato da Simone Angelini, edito da Bel Ami edizioni, 2013, 113 pagine in bianco e nero.