Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Speciale Fotografia Europea 2014: le mostre da non perdere

  • Scritto da Anita Magnani
annarella luigi ghirri

Sarà uno sguardo infinito, quello della IX edizione di Fotografia Europea, una visione nel nome di Luigi Ghirri.

Vedere. Uno sguardo infinito”, questo il tema scelto, trasformerà Reggio Emilia in un palcoscenico internazionale per la fotografia moderna e contemporanea, dal 2 al 4 maggio 2014: una tre giorni di conferenze, workshop, letture, incontri e spettacoli, per celebrare la sesta arte.

Tra le mostre più attese troviamo quelle di Luigi Ghirri, Sarah Moon, Adam Broomberg & Oliver Chanarin con un ospite d’eccezione: l’agenzia Magnum Photos che poterà a Reggio Emilia gli scatti di Herbert List.

1.Luigi Ghirri. Pensare per immagini
Curata da Francesca Fabiani, Laura Gasparini e Giuliano Sergio, arriva dal MAXXI con oltre 300 scatti e vintage prints, per una grande antologica organizzata per temi, del grande fotografo emiliano, in costante dialogo con architetti, musicisti, scrittori e artisti. Menabò, libri, copertine di dischi, cartoline e riviste per ripercorrere le tappe della sua ricerca artistica, sempre in continuo mutamento e per raccontare la sua collaborazione con gli artisti concettuali degli anni Settanta, i suoi riferimenti culturali e artistici, il suo interesse per la musica e i suoi rapporti con musicisti come i CCCP Fedeli alla Linea e Lucio Dalla.



2.Herbert List. The Magical In Passing

herbert list fotografia europea

Quest’anno la manifestazione si caratterizzerà per la partecipazione di Magnum Photos, la prestigiosa agenzia fotografica internazionale, fondata nel 1947 da fotografi del calibro di Robert Capa e Henri Cartier-Bresson. La Magnum sarà protagonista di una ricca serie di iniziative tra cui la grande retrospettiva di Herbert List, che vedrà esposte ben 100 opere del celebre fotografo tedesco, i cui nudi maschili hanno fatto scuola.

3. Annarella Benemerita Soubrette CCCP Fedeli alla Linea

annarella cccp fotografia europea
annarella-cccp - annarella cccp fotografia europea
Emilia, Europa, Islam, Asia, Sentimenti: questo il percorso tematico attraverso cui si articolano le fotografie in bianco e nero e a colori che documentano concerti, eventi, passaggi televisivi, servizi fotografici. Una testimonianza del lavoro artistico di Annarella Benemerita Soubrette CCCP Fedeli alla Linea, principale protagonista visiva della mostra. Gli scatti di Luigi Ghirri, fotografo della copertina dell’ultimo LP del gruppo “Epica Etica Etnica Pathos”, valorizzano l’anima femminile del gruppo con immagini inedite; nelle foto di Giovanni Lindo Ferretti ad Annarella negli anni 1982-1983, quando iI gruppo era sul nascere, affiora un particolare gusto estetico, una linea d’immagine, vestiti, tagli di capelli, abbinamenti che saranno poi, con i testi e la musica, la cifra stilistica dei CCCP Fedeli alla Linea.



4. Le alchimie surreali di Sarah Moon

sarah moon fotografia europeaFigura di spicco della fotografia contemporanea e autrice di grande sensibilità, Sarah Moon ha inventato una scrittura visiva unica e inconfondibile. Ben più che uno stile, un modo di vedere e trasformare la realtà che, fin dai primi passi nella fotografia, si è andato sviluppando nell’arco di trent’anni, tanto nei suoi lavori per il mondo della moda quanto in quelli più personali, fotografici o cinematografici, in un rinnovarsi permanente. Sarah Moon ha creato un universo originale fatto di grazia, immaginazione e poesia, un universo onirico e ludico dove regna una gaia nostalgia. Paesaggi di nuvole di cotone e cieli d’inchiostro, boschi incantati e mari di ghiaccio, vecchie case di famiglia senza età dove tutto è sospeso e che, a volte, fanno da sfondo a rare e strane apparizioni.


5. Adam Broomberg & Oliver Chanarin: “Divine Violence”

Adam Broomberg & Oliver Chanarin divine violence

Ispirati in parte dalle annotazioni e immagini che Bertolt Brecht ha aggiunto alla sua Bibbia personale, il libro di Broomberg e Chanarin si interroga sui cliché in gioco all’interno della rappresentazione visiva del conflitto.


E queste sono solo alcune mostre, senza contare tutti gli altri imperdibili eventi collaterali. Macchine fotografiche in spalla, allora: si parte per Reggio Emilia.