Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Le fotografie allucinanti che hanno ispirato True Detective

  • Scritto da Marco Tonelli
Permettetemi lo sfondone, ma il vero protagonista della prima stagione di True Detective non sono la "coppia che scoppia" Rust Cohle/ Martin Hart o la congrega di serial killer e satanisti vari che imperversa a suon di vudù, riti animistici e omicidi rituali.

L'obbiettivo di Nic Pizzolatto e Cary Fukunaga è incentrato senza dubbio, su una Louisiana devastata, marcia, quasi onirica nel suo protrarsi in una sorta di sospensione temporale e spaziale, in cui tutte le coordinate di riferimento si perdono in una successione infinita di paludi malsane, sobborghi di periferia, chiese e antiche macerie. Il tutto sotto la supervisione quasi demoniaca della mano dell'uomo, capace di disseminare il territorio di imponenti centrali petrolchimiche, non luoghi come bar, bettole anonime, e stazioni di servizio frequentate da camionisti, puttane e gang di motociclisti o infine autostrade e cavalcavia a perdita d'occhio capaci di portare il viaggiatore verso destinazioni senza nome, molto vicine al nulla di fatto, quasi come le identità e i volti delle numerose vittime dell'impressionante catena di delitti da cui le vicende prendono forma.

Non è un caso infatti, che l'autore e il regista di questa allucinante serie HBO, si siano apertamente ispirati (oltre ad aver usato alcuni di quegli scatti nella sigla d'apertura) al libro fotografico "Petrochemical America" di Richard Misrach, un progetto che vuole raccontare il cosiddetto "Chemical Corridor", una catena di stabilimenti che dagli anni '80 in poi hanno devastato la costa e le zone umide di questo splendido stato americano. Multinazionali come la Shell o la Dow Chemical hanno disseminato il territorio di impianti di raffinazione e stoccaggio, i quali hanno inquinato gravemente il territorio trasformando l'aria, e i terreni in vere e proprie bombe chimiche capaci di creare morte e devastazione in favore dello sviluppo diabolico dell'industria petrolifera.

Gli scatti di Misrach ritraggono un ambiente infernale, sulfureo e grottesco. Un vero e proprio soggiorno negli inferi di una natura stuprata e modellata a misura d'uomo, di cui True Detective vuole essere senza dubbio simbolica e allegorica interpretazione.


Hazardous WasteContainment Site, Dow Chemical Corporation,Mississippi River, Plaquemine, Louisiana, 1998



True Detective



Swamp and Pipeline, Geismar, Louisiana, 1998



Shopping Cart, Tanger FactoryOutlet Center, I-10, Gonzales, Louisiana, 2010
petrochemical_america



 True Detective
true_detective



Trailer Home and Natural GasTanks, Good Hope Street, Norco, Louisiana, 1998
petrochemical_america



True Detective
true_detective