Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Lungometraggi - Bif&st

  • Scritto da Gli Osservatori Esterni

I PREMI

Premi della Giuria Internazionale presieduta da Margarethe Von Trotta e composta da Cedomir Kolar, Moritz De Hadeln, Klaus Eder ed Eva Zaoralova

Premio Mario Monicelli per la migliore regia a Marco Bellocchio per Vincere di Marco Bellocchio
Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto a Valeria Parrella e Francesca Comencini per Lo spazio bianco di Francesca Comencini
Premio Suso Cecchi D’Amico per la migliore sceneggiatura a Francesca Archibugi per Questione di cuore di Francesca Archibugi
Premio Anna Magnani per la migliore attrice protagonista a Margherita Buy per Lo spazio bianco diFrancesca Comencini
Premio Gian Maria Volonté per il miglior attore protagonista a Riccardo Scamarcio per La prima linea di Renato De Maria, Il grande sogno di Michele Placido e L’uomo nero di Sergio Rubini
Premio Ennio Morricone per il miglior compositore delle musiche a Marco Biscarini e Daniele Furlati perL’uomo che verrà di Giorgio Diritti
Premio Giuseppe Rotunno per il miglior direttore della fotografia a Luca Bigazzi per Lo spazio bianco diFrancesca Comencini
Premio Roberto Perpignani per il miglior montatore a Francesca Calvelli per Vincere di Marco Bellocchio
Premio Dante Ferretti per il miglior scenografo a Luca Gobbi per L’uomo nero di Sergio Rubini
Premio Piero Tosi per il miglior costumista a Claudio Cordaro per Il grande sogno di Michele Placido
PREMI DELLA GIURIA DEL PUBBLICO PRESIEDUTA DA ZEUDI ARAYA
Premio Franco Cristaldi per il produttore del miglior film a Mario Gianani per Vincere di Marco Bellocchio
Premio Alida Valli per una giovane attrice rivelazionea Greta Zuccheri Montanari per L’uomo che verrà diGiorgio Diritti
Premio Vittorio Gassman per un giovane attore rivelazione a Giulio Beranek per Marpiccolo diAlessandro Di Robilant

 

 

Bari Internation Film&Tv Festival: Lungometraggi


Quindici lungometraggi in gara per l'ItalianFilmFest e due opere prime per il premio Francesco Laudadio.

I premi sono stati assegnati dalla Giuria Internazionale presieduta da Margarethe Von Trotta e composta da Cedomir Kolar, Moritz De Hadeln, Klaus Eder ed Eva Zaoralova.


FORTAPASC (Marco Risi, ITA, 2009) 

La storia di Giancarlo Siani, giornalista campano assassinato il 23 settembre del 1985 a soli 26 anni. La sua colpa? Quella di voler fare il suo mestiere con professionalità e senza compromessi.

 

LA DOPPIA ORA (Giuseppe Capotondi, ITA, 2009) 

Sonia e Guido si incontrano per caso ad uno speed date. In poco tempo si conoscono e s’innamorano, ma improvvisamente Guido muore durante una rapina. Sonia si ritrova sola col passato che bussa alle porte.

 

LO SPAZIO BIANCO (Francesca Comencini, ITA, 2009) 

Maria lavora come insegnante in una scuola serale. Dopo aver partorito, al sesto mese di gravidanza, si ritrova in un mondo strano con una Napoli sullo sfondo in cui il degrado locale la circonda.

Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto a Valeria Parrella e Francesca Comencini

Premio Anna Magnani per la migliore attrice protagonista a Margherita Buy

Premio Giuseppe Rotunno per il miglior direttore della fotografia a Luca Bigazzi

 

BAARIA (Giuseppe Tornatore, ITA, 2009) 

Il secolo passato visto dal punto di vista degli abitanti del piccolo paese siciliano Bagheria. Con al centro la storia fra Mannina e Giuseppe, Baaria muove da passione amorosa a passione civile e politica.

 

MARPICCOLO (Alessandro Di Robilant, ITA, 2009) 

La Taranto del malaffare e della delinquenza vista dagli occhi di Tiziano che, finito in carcere minorile, troverà un’umanità disposta ad aiutarlo e a dargli una seconda possibilità.

Premio Vittorio Gassman per il giovane attore rivelazione a Giulio Beranek

 

VINCERE (Marco Bellocchio, ITA, 2009) 

Il giovane Benito Mussolini è deciso a guidare le masse al fianco di Ida. Dopo l’arruolamento nell’esercito, però, Mussolini si sposa con Rachele portando alla lotta disperata di Ida che inutilmente cercherà di affermare i suoi diritti come moglie e come madre.

Premio Mario Monicelli per la migliore regia a Marco Bellocchio

Premio Roberto Perpignani per il miglior montatore a Francesca Calvelli

Premio Franco Cristaldi per il produttore del miglior film a Mario Gianani


COSMONAUTA (Susanna Nicchiarelli, ITA, 2009) 

Luciana, 15 anni, comunista dall’infanzia, si ritroverà a scontrarsi con sessismo e pregiudizi degli altri compagni di partito. L’ammirazione per Valentina Tereshkova le darà la forza di andare avanti.

 

IL GRANDE SOGNO (Michele Placido, ITA, 2009) 

Laura militante dei movimenti studenteschi si ritrova in bilico fra Nicola, un poliziotto infiltrato nell’università, e Libero, leader del movimento studentesco. Dopo i fatti di Villa Giulia nessuno sarà più lo stesso

Premio Gian Maria Volonté per il miglior attore protagonista a Riccardo Scamarcio

Premio Piero Tosi per il miglior costumista a Claudio Cordaro


MAR NERO (Federico Bondi, ITA, 2008) 

Angela è una badante rumena che aiuta in casa Gemma, una donna anziana rimasta vedova. La scomparsa del marito di Angela farà decidere a Gemma, intenta a non rimanere più da sola, di partire alla volta della Romania con la sua nuova amica.

 

L’UOMO CHE VERRA’ (Giorgio Diritti, ITA, 2009)

La strage di Marzabotto del 1944 e la condizione di Martina, figlia di poveri contadini, rimasta muta dopo la morte del fratellino. Sua madre resta di nuovo incinta, ma strage e lieto evento finiranno per coincidere.

Premio Ennio Morricone per il miglior compositore delle musiche a Marco Biscarini e Daniele Furlati

Premio Dante Ferretti per il miglior scenografo a Luca Gobbi

Premio Alida Valli per la giovane attrice rivelazione a Greta Zuccheri Montanari

 

TUTTA COLPA DI GIUDA (Davide Ferrario, ITA, 2009) 

Una giovane regista deve mettere in scena una rivisitazione della Passione di Cristo, su richiesta del cappellano, in un penitenziario. Il problema è che nessuno vuole fare Giuda…

 

L’UOMO NERO (Sergio Rubini, ITA, 2009) 

Gabriele Rossetti torna in Puglia per dare l’estremo saluto al padre Ernesto. In questa occasione rievocherà la sua infanzia in un percorso che porterà a capire meglio la figura del padre col quale ha avuto incomprensioni da giovane.

Premio Gian Maria Volonté per il miglior attore protagonista a Riccardo Scamarcio

 

GLI AMICI DEL BAR MARGHERITA (Pupi Avati, ITA, 2009)

In una Bologna degli anni ’50 i frequentatori abituali del bar Margherita Gian, Bep, Manuelo e Al non considerano Taddeo che aspira ad entrare nella cricca. Lui dal canto suo sogna e vive di riflesso le storie degli altri.

 

LA PRIMA LINEA (Renato De Maria, ITA, 2009) 

Fra clandestinità e “ragione armata” Sergio organizza un gruppo per far evadere dal carcere di Rovigo quattro detenute fra cui Susanna, la donna amata. Il piano sembra riuscire, ma qualcosa va storto.

Premio Gian Maria Volonté per il miglior attore protagonista a Riccardo Scamarcio

 

QUESTIONE DI CUORE (Francesca Archibugi, ITA, 2008) 

Alberto e Angelo si conoscono in sala di rianimazione dopo un arresto cardiaco. I due, rispettivamente sceneggiatore di successo e carrozziere di borgata, diventano inseparabili al punto che Angelo, che sta avendo un lento decorso, cerca di lasciare in eredità all’amico sua moglie e i suoi figli.

Premio Suso Cecchi D’Amico per la migliore sceneggiatura a Francesca Archibugi

 

OPERE PRIME
GOOD MORNING AMAN (Claudio Noce, ITA, 2009) 
L’incontro, l’amicizia fra Aman, ventenne somalo che lavora presso n rivenditore di auto usate, e Teodoro, ex pugile quarant’enne che vive costantemente nell’oscurità del suo passato.

DIECI INVERNI (Valerio Mieli, ITA, 2009) 
Camilla e Silvestro si conoscono su un vaporetto all’età di 18 anni; da allora passeranno 10 anni durante i quali i due diverranno amici e poi innamorati segnando il proprio percorso che li ha portati nell’età adulta.