Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

THE HIVES: Veni Vidi Vicious

  • Scritto da Orazio Martino

the hives Fino a qualche tempo fa, prima che la dubstep e Lana Del Rey invadessero le pagine di Pitchfork, su numerose riviste specializzate - l'inarrivabile Rocksound, ad esempio – ci si poteva ancora imbattere nella definizione di "rock scandinavo", prolifico sotto-genere che aveva trovato nelle produzioni di Hellacopters, Gluecifer e Turbonegro un posizionamento più che dignitoso, in Europa e nel resto del mondo.

Un approccio sfacciato e ignorante alla materia rock'n'roll anni '70, in grado di resistere al freddo e al gelo di una Scandinavia power e black metal inanellando raffiche di potentissimi bicorde nei timpani di una moderna gioventù di capelloni.

In Svezia, allo scoccar del nuovo millennio, un quintetto di ragazzi con una passione morbosa per il black & white si accingeva a dare alle stampe il terzo capitolo di una carriera ancora tutta da incorniciare. A conti fatti un concentrato di rock'n'roll adrenalinico con solide basi garage e un rapporto velocità/tecnica senza rivali in circolazione.

Incredibile la quantità di riff macinata in 29 minuti di delirio totale, con una media velocissima di 1:40 a canzone ed un'unica pausa per tirare il fiato, immortalata dalla straniante cover di "Find Another Girl". Scorribande tutt'ora incontenibili quali "Die, All Right!" e "Main Offender" dal vivo sono l'apoteosi della devastazione, mentre il singolo "Hate to Say I Told You So" fa incetta di copie vendute scorrazzando tra sigle di videogiochi e dancefloor di tutto il mondo.

Il rock scandivano, all'apice del suo splendore, consegna agli Hives di "Veni Vidi Vicious" le chiavi di un meccanismo musicale destinato ad incepparsi nel giro di qualche anno. Giusto il tempo di un altro fulmine a ciel sereno (l'adrenalinico "Tyrannosaurus Hives") e per il rock vichingo, a metà del nuovo millennio, è già tempo di estinzione.

Voto: 7,5

 

Info:

Burning Heart, 2000

Garage rock'n'roll

 

Tracklist:

01. Declare Guerre Nucleaire

02. Die, All Right!

03. A Get Together to Tear It Apart

04. Main Offender

05. Outsmarted

06. Hate to Say I Told You So

07. Introduce the Metric System in Time

08. Find Another Girl

09. Statecontrol

10. Inspection Wise 1999

11. Knock Knock

12. Supply and Demand