Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

The Cramps: Songs the Lord Taught Us

  • Scritto da Marco Tonelli

the cramps Le canzoni che il signore ci ha dato, inni da cantare a squarciagola nella chiesa della cultura americana.

Gli anni '50, tonnellate di spazzatura cinematografica, giornaletti pornografici, fumetti horror, la surf music, il rockabilly, Elvis Presley. Come in un B-Movie il frullatore del punk unisce tutto insieme e vomita un blob pruriginoso scosso da tremiti primitivi. Ogni rito voodoo che si rispetti ha i suoi officianti: Erick Purshiker e Kristy Wallace si incontrano un giorno del '72 e da quel momento non si sono più lasciati. Coppia nella musica e nella vita, amanti dei B movie e dei vecchi vinili anni '50, come in un film horror di serie Z compiono la metamorfosi. Impossessati dal diavolo del rock’n'roll diventano Lux Interior e Poison Ivy Rorsharch. Intorno a loro l’inquietante chitarrista Brian Gregory e Nick Knox ai tamburi infernali. A tirare le fila delle quattro bamboline Alex Chilton, ex dei Big Star e padre del power pop.

Siamo nel 1980, la New York in cui vivono i quattro è quella della nascente No Wave: il punk si trasforma e diventa intellettuale, Lux Interior e compagni con poeti e artisti hanno poco da spartire, vogliono il proibito e la perversione delle strip porno, film di fantascienza, zombie e fantasmi di Bill Haley ed Elvis Presley a danzare con loro. Tutto questo lo vanno a cercare nel luogo sacro per eccellenza, gli studi della mitica Sun Records a Memphis. Tra queste mura il rito si compie, il fantasma di Elvis è evocato, Lux Interior ne è impossessato (ulula e digrigna i denti), Poison Ivy è sensuale come il diavolo stesso (chitarra twang a sputare il suono degli anni '50), Bryan Gregory è cattivo come il punk, morboso come i rigurgiti del rock più feroce, Stooges e Velvet Underground su tutti. Nik Knok dietro le pelli a spingere la cerimonia, il suo è un ritmo ossessivo, necessario per dare un battito alla fanghiglia.

Tredici canzoni che parlano di spazzatura televisiva, giovani licantropi, vampiri e zombie danzanti. Il rock perpetua il suo rito: si guarda indietro per guardare avanti. I classici trasfigurati “Rock on the Moon ”, “Tear it up” e un’ossessiva “Fever”, diventano l’esempio di come il passato fagocitato e digerito male alla stregua del peggior junk food dia vita a un malsano collage, nauseabondo ma assolutamente necessario. Lux Interior ci ha lasciato due anni fa, dietro di sé gli zombie che ballano sul cadavere di Elvis, chiamateli come volete: garage, voodobilly, psychobilly, per lui erano solo canzoni sacre.

Voto: 9

 

Info:

Zonophone / Emi, 1980

Garage Punk

 

Tracklist:

1-Tv Set

2-rock on the Moon

3-GarbageMan

4-I was a Teenage Werewolf

5-Sunglasses after Dark

6-Mad Daddy

7-The Mistery Plane

8-Zombie Dance

9-What’s behind the Mask

10-Strychnine

11-i’m Cramped

12- Tear it Up

13 –Fever