Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

MY BLOODY VALENTINE: Loveless

  • Scritto da Marco Tonelli

my bloody valentine Shoegazers, letteralmente fissa-scarpe. Così venivano chiamate dalla critica inglese tutte quelle band che nei primi anni 90 amavano affogare sognanti melodie pop con tonnellate di feedback e effetti di ogni tipo. Un nomignolo stupido derivato dall'abitudine dei musicisti di stare a capo chino sugli strumenti. I My Bloody Valentine partono da quelle canzoni violentate dalle chitarre, per arrivare verso lidi inesplorati di pura trascendenza sonora.

“Loveless” è un mix sfumato ed etereo, un insieme fino ad ora impensabile di rumore chitarristico, dream pop e pennellate di elettronica, pietra miliare per tutti i fissa-scarpe a venire. Pura materia pop rielaborata a piacimento dal genio di Kevin Shield: prima fatta fluttuare dalla voce sognante, poi campionata e spezzata da effetti di ogni tipo. Il risultato è un magma volatile e acido, possente e vellutato allo stesso tempo.

“Loveless” è il muro di suono contro il quale la stessa band si è schiantata: 11 canzoni splendide e terribili, capaci di trascinare i My Bloody Valentine sotto il peso delle incomprensioni e dei dissapori. Strati di chitarre ripiegate su se stesse, a partire dalla veloce e inclassificabile ”It's Only Shallow” , appiccicosa melodia di riff trascinata dalla voce angelica e modificata della chitarrista Melinda Butcher.

Le linee vocali e gli effetti sono il motore con cui le asperità rumorose prendono il volo (”Loomer”) o si trasformano in vere e proprie sinfonie noise con tanto di quartetto d'archi artificiale (“To Here Knows When” ), fino a bizzarri coretti filtrati dall'elettronica (“When You Sleep” , “I only Said”, “Come In Alone”). Canzoni in equilibrio precario, a volte fragili e impalpabili (”Blown a Wish”), a volte minacciose (“Sometimes”), a volte futuristiche e rivoluzionarie (“Soon”). Contrasto irripetibile di suoni, parole e sensazioni.

Voto: 9

 

Info:

Creation, 1991

Shoegaze

 

Tracklist:

1- Only Shallow

2- Loomer

3-Touched

4- To Here Knows When

5- When You Sleep

6- I Only Said

7- Come In Alone

8- Sometimes

9- Blown a Wish

10- What you Want

11- Soon