Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

JOANNA NEWSOM: Ys

  • Scritto da Orazio Martino

joanna newsom ys Il folk della Sierra Nevada nell'olimpo della musica indipendente americana. Un folletto e la sua arpa per il dominio di Madre Natura e la vittoria della bellezza incontaminata. Un disco, "YS", che purifica in un battibaleno chiunque ne tenti l'approccio, estirpando peccati, bonificando paludi di rabbia e risentimento.

Attributi quali purezza e imprevedibilità trovano in Joanna Newsom una delle fonti di ispirazione degli anni Zero. Una poliedricità vocale da shock emozionale, in grado di alternare effusioni da ninna nanna a mezzanotte al richiamo epico di una Giovanna d'Arco in battaglia, sguardi ammalianti ad un movimento musicale ipnotico quanto naturale.

Un disco da apprezzare e interpretare come flusso unico di note ed emozioni, dall'apertura di "Emily" all'orchestra finale di "Cosmia", dai messaggi arpeggiati di "Monkey & Bear" al battibecco con Bill Callahan in "Only Skin". Folk fiabesco per una progressione senza eguali, la produzione di Steve Albini e la speranza di un incontro paradisiaco, magari un annuncio del bizzarro corvo ritratto in copertina. Te la immagini a piedi nudi con una margherita tra i capelli inseguita da cervi e scoiattoli in mezzo a distese di grano, e poi stesa sui campi con il suo faccione solare e l'inconfondibile arpa a pedale.

Sogni musicali ad occhi aperti nel marasma degli anni Zero. Disco da possedere e amare.

Voto: 8

 

Info:

Drag City, 2006

Songwriter, indie folk

 

Tracklist:

1. Emily

2. Monkey & Bear

3. Sawdust & Diamonds

4. Only Skin

5. Cosmia