Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

BLACK SABBATH: Black Sabbath

  • Scritto da Marco Tonelli

black sabbath 1970 Campane a morto e pioggia battente, una figura misteriosa nel mezzo di un lago solforoso. Immaginario inquietante per il sabba nero del rock'n'roll.

Passata la sbornia del peace and love, dall'Inghilterra proletaria arriva la risposta nera e satanica alle allucinazioni positive degli anni Sessanta. Al contrario dei Led Zeppelin, che con l'occulto hanno sempre giocato, il male cantato dai Black Sabbath fa veramente paura, proprio perchè reale e tangibile. I padrini dell'heavy hetal, del doom e di tutte le sue ramificazioni, sono quattro ventiduenni dediti alle droghe e all'hard-rock più stordente.

John Michael (Ozzy) Ousbourne è un ex macellaio con la mente annebbiata dagli acidi, Toni Iommi un operaio con la passione della chitarra e due falangi in meno, Geezer Butler un ragionere affascinato dal blues, Bill Ward un camionista con la fissa della batteria. Rispettivamente voce allucinata e drammatica, chitarra slide ribassata e evanescente, basso monolitico e cupissimo, batteria potente e ossessiva.

“Black Sabbath” codifica il suono di intere generazioni di metallari, doomster e hardrockers, accumunati dalla passione per il nero e l'occulto del rock'n'roll. Canzoni con un impianto di solido hard rock, reso oscuro da una vena folk ossianica e da lente e sulfuree sforbiciate chitarristiche. E' facile immaginare lo stupore di chi si avvicina per la prima volta. A partire dalla copertina, affascinante e oscura, fino alla title track,ovvero il prototipo di ogni pezzo doom che si rispetti.

Il resto è un saltellare continuo di riff affilati, resi acidi e potenti dallo stile inusuale e innovativo di Toni Iommi (“Wall of sleep”), o trafitti dalle rasoiate del basso di Geezer Butler (“N.I.B”). “The Wizard” e “Evil Woman" sono schegge di hard rock “ classico” punteggiate dalla chitarra e dalla voce potentissima, “Wicked World” il testamento Doom di una band nichilista e ossessiva. Una danza di streghe e maghi da ballare negli incubi del rock.

Voto: 8,5

 

Info:

Vertigo, 1970

Hard rock

 

Tracklist:

1-Black Sabbath

2-The Wizard

3-Behind the Wall of Sleep

4-N.I.B

5-Evil Woman

6-Sleeping Villagers

7-The Warning

8-Wicked World