Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Y tu Mama Tambien (A. Cuaròn)

y tu mama tambien locandina Un viaggio su un'auto scassata, due amici inseparabili, una donna mozzafiato, paesaggi messicani paradisiaci, droga e alcool. Voilà: il film è fatto. “Y tu mama tambien” è la realizzazione di un'idea semplice inserita in un contesto magico. Il classico viaggio liberatorio tra natura, sesso e imprevisti, verso una formazione travagliata per la quale qualcuno o qualcosa andrà sacrificato.

Il regista Cuaròn costruisce questo road movie in maniera molto saggia, giocando su due piani diversi. Da un lato le avventure dei due ragazzi più la fantastica e sensualissima Luisa (Maribel Verdú), coinvolti in un trio amoroso intensissimo e a tratti veramente spassoso; dall'altro la voce fuori campo, che interrompe bruscamente la narrazione, sentenziando amaramente e in modo onnisciente su ciò che accadrà nelle esistenze dei protagonisti e sul peso che il futuro ha sulla vita e sui destini delle persone. L'unione tra questi due piani permette alla storia di divenire fluida, di fuoriuscire dallo schermo e di innescare sensazioni contrastanti tra la disinvoltura per ciò che accade durante il viaggio e il presagio di dramma che avvelenerà il finale.

L'avventura narrata in “Y tu mama tambien” risente però di una certa leggerezza nei momenti in cui andrebbero approfonditi determinati spunti nascosti nelle scene più spensierate. Tutto scorre troppo velocemente, pochi i dialoghi veramente esplosivi (oltre le gradevoli facilonerie su sesso e sballo), non ci si sofferma su quei momenti in cui la frivolezza lascia il posto a una sorprendente stasi riflessiva (i maiali liberi, le culture locali, l'ultimo risveglio). Si parla della vita quasi evitando un confronto diretto con essa; emerge un timore nel guardare con più acume agli aspetti meno spassosi, messi invece sempre in secondo piano e lasciati dissolversi in modo troppo fugace.

Il film di Cuaròn è un'opera catartica, fresca, incantevole per la prospettiva con la quale si vede scorrere il Messico e i suoi genuini abitanti. Un film, però, incapace di giungere a rendere universale il viaggio compiuto, a completare un'avventura rimasta in gran parte sulle coste messicane e nei cuori tristi dei tre protagonisti.

Voto: 6,5

Info Film:

regia di Alfonso Cuaròn USA, Messico 2001 Con Diego Luna, Gael García Bernal, Maribel Verdú, Diana Bracho  Titolo originale Y tu mamá también durata 105 min Commedia drammatica