Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

A serious Man (J. & E. Coen)

  • Scritto da Gli Osservatori Esterni

a serious man locandina

a serious man locandina
All’interno del cinema americano esiste ormai da tempo un filone di film, un genere a sé stante, che si rifà all’umorismo di matrice ebraica, yiddish, e che ha ovviamente Woody Allen come suo massimo esponente.

Molto spesso i protagonisti di questi film sono piccoli uomini alle prese con le sfighe della vita che cercano nelle pagine della Torah le parole e gli aiuti di fede per tirare avanti. Il nuovo film dei fratelli Coen (che da qualche tempo non si dividono più i compiti come un tempo, Joel alla regia, Ethan alla produzione e sceneggiatura a quattro mani, ma fanno tutto, ma proprio tutto insieme) estremizza, come al solito loro, la situazione, portando anche elementi autobiografici nella trama del film. Che poi in realtà è un film senza trama. 1967. Larry è un professore di fisica di un’università del Midwest americano cui ne succedono di tutti i colori e la cui vita va a puttane senza che lui possa farci niente: la moglie lo lascia per un altro e lo manda via di casa, il fratello psicotico è arrestato per un giro di gioco d’azzardo illegale, il figlio minore gli frega i soldi per comprarsi erba e ordinare dischi rock per corrispondenza, la figlia vuole rifarsi il naso, e uno studente lo corrompe per migliorare i voti salvo poi minacciarlo di diffamazione. Lui cerca conforto nella fede, ma anche i consigli dei rabbini non sortiscono l’effetto sperato. Tutto questo delirio però è raccontato attraverso una serie di episodi, scenette, sequenze oniriche o drogate, vignette senza un filo logico tra loro, apparentemente scollegate (così come il prologo in un altro spazio/tempo) che assomigliano più ad un film di Fantozzi e come per il ragioner Ugo la sala ride quando bisognerebbe piangere. E quando finalmente qualcosa sta per succedere, per davvero, quando sta arrivando la svolta nella trama, i risultati degli esami medici e un tornado all’orizzonte, il film finisce. Bum, titoli di coda. È certo come non sia cosa facile per i non ebrei comprendere a fondo l’umorismo ebraico, ed è cosa altrettanto certa che i Coen siano ultimamente sopravvalutati da pubblico e critica. "A Serious Man" è la conferma di queste due banali affermazioni. Questo film è il modo dei Coen stessi di confermare la seconda: dopo un Oscar meritato al cento per cento e dopo una commedia nera piena di star ("Burn After Reading"), prendono i giro un po’ tutti con film senza un interprete famoso, pieno di intermezzi senza senso (Larry e gli incontri coi vicini), discontinuo e altalenante sia nelle scelte di regia, sia in quelle di contorno (la musica su tutto, con Jimi Hendrix e Jefferson Airplane insieme a canti religiosi), che alla fine lascia a bocca asciutta, ma non certo per il troppo ridere.

 

Voto Thomasmann: 5,5

---------------------------------------

A Prova di Sfiga

by Orasputin

Quella che pervade l’ultimo film dei fratelli Coen è una comicità triste, sulle tracce di una pellicola vintage a scorrimento lento. Larry Gopnik, ebreo, è un tranquillo professore di fisica che accumula quintali di sfortuna. Prende schiaffi morali su tutti i fronti, a cominciare da una famiglia che difficilmente lo segue: suo figlio fuma spinelli, sua moglie vuole divorziare per cacciarlo di casa, suo fratello è una presenza fissa e imprevedibile in casa. Col carisma che stenta, ecco che l’unico scopo di una vita insipida si rivela quello di trascorrere una quotidianità tranquilla, lontano da tentazioni e scatti di umore. Per diventare l’uomo serio del titolo, e naturalmente sotto consiglio di altra gente, Larry si affiderà a tre rabbini, figure instabili dalla forte caratterizzazione comica, perfettamente immerse nello stile dei fratelli di Minneapolis. Il film, sorretto da un’ottima colonna sonora e costumi anni sessanta, esprime i suoi punti deboli in una trama dal flusso altalenante. L’incedere è un continuo balbettar, non vi è crescendo o progressione di ritmo. Si può dire la stessa cosa di "Non è un Paese per Vecchi", ma se nel caso del premio oscar le riflessioni a caldo hanno come succo un ragionamento importante, qui il rischio è quello di perdersi nei comuni stereotipi dell’alienazione dell’uomo medio nella morsa di una società cinica e bastardissima. Non mancano i momenti esilaranti. I personaggi, ad esempio, sono tutti indovinati. Il rischio è quello di allontanare lo spettatore dall’effettiva essenza del film, una patina di malinconia mista ad amarezza che pervade tutti i 104 minuti della pellicola, con l’inconveniente di mandare in tilt coloro che auspicavano un ritorno alla comicità del duo più prolifico di Hollywood.

Voto: 6

Info Film:

USA 2009 regia di Joel & Ethan Coen con Michael Stuhlbarg, Richard Kind, Aaron Wolf durata: 104 min Drammatico