Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

The Hours (S. Daldry)

  • Scritto da Rachele

the hours locandina

the hours locandina
Se vi chiedete chi sia Virginia Woolf, se ne avete sentito mille volte parlare, ma non avete mai tenuto in mano un suo libro, “The Hours” è il film che fa per voi.


Un cast stellare composto da una meravigliosa Meryl Streep, una affascinante Julianne Moore ed una inconsueta Nicole Kidman impersonano tre generazioni di donne segnate dal libro della Woolf “Mrs Dalloway”. Meryl Streep è una intraprendente editrice sulla quarantina che vive senza ipocrisie la sua relazione lesbica con l’amica e l’amante Sally. Come la protagonista del libro, Clarissa Dalloway, deve organizzare un ricevimento per festeggiare il premio letterario ricevuto dal suo amico e ex amante Richard, malato di AIDS. Nello stesso contesto si muove Julianne Moore, stereotipo della moglie perfetta degl’anni ’50, tutta casa e figli, che tenta invano di preparare la festa di compleanno per il marito perfetto, completamente assorbita dal romanzo della signora Dalloway. Ed ad aprire la scena vi è Virginia Woolf stessa, interpretata da Nicole Kidman, la scrittrice incompresa, che soffre di sbalzi d’umore, depressione, intenta a stendere il suo romanzo, unica ancora di salvezza di una vita incompleta e senza direzione.

Queste tre donne rappresentano le diverse anime della protagonista del libro e le loro amplificazioni e per questo le loro vicende personali si muovono su una base comune. Ma a rendere questo film estremamente emozionante è il modo in cui il regista, Stephen Daldry, l’ha girato: le storie non sono lineari e monocordi, ma sono interrotte dall’immissione di una vita dentro l’altra. Così lo spettatore si vede catapultato dalla caotica metropoli americana alla immobile campagna inglese dell’ora del tè, per poi ritrovarsi, a sorpresa, nel salotto di una casa modello nel 1949. Ovviamente questa cornice non è casuale: il regista ha come obbiettivo quello di ricreare, attraverso la telecamera, la soggettività del tempo, il punto nodale attorno al quale si sviluppa la storia di ogni protagonista. Se il tempo non è più immobile e statico, ma è percepito come un flusso continuo e completamente relativo, nozioni di passato, presente e futuro non hanno alcun significato

. La storia delle 3 donne, simbolo di spazi e dimensioni temporali differenti, si mescolano l’una alla altra fino a perdere del tutto una loro specificità e diventare una ed unica esperienza umana. Il film è una straordinaria analisi dell’animo umano, e perché no, delle tante sfaccettature dell’universo femminile. Una trama drammatica per un film edificante.

Info Film:

USA 2002

regia di Stephen Daldry con Meryl Streep, Nicole Kidman, Julianne Moore durata: 115 min Drammatico