Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Matchpoint (W. Allen)

  • Scritto da Park Kaos

matchpoint locandina

matchpoint locandina
Un Delitto & Castigo in chiave moderna, la più atipica tra le ultime opere del piccolo grande umorista americano.


“Succede nel corso di un match, che la pallina urti il bordo superiore della rete e s’impenni per pochi decimi di secondo. Con un po’ di fortuna, può andare oltre e allora si vince. Ma può anche non superare il bordo e cadere nel tuo campo: e allora si perde”. Con questa massima si apre l’ultimo lungometraggio di Woody allen, una storia di passione e di ricchezza, di amore e di carriera. Una storia che si centra essenzialmente sulla vita e gli incroci di quattro persone, ambientato in una Londra aristocratica fatta di privilegi e tè alle quattro del pomeriggio. Dalla parte della ricca aristocrazia si schierano Tom (Matthew Goode) e Chloe (Emily Mortimer), fratello e sorella che sono abituati a tutti i privilegi; dall’altra Chris (Jonathan Rhys- Meyers) e Nola (Scarlett Johansson) rientrano nella categoria delle cosiddette persone che “si devono far da se” poiché non hanno avuto la stessa fortuna economica dei primi. Chris è un istruttore di tennis, che cerca la scalata sociale, e ci riesce perfettamente quando comincia a dare lezioni di tennis a Tom.

Gradualmente, entra nell’ aristocrazia londinese a pieno titolo, prima diventando amico intimo di Tom, e dopo attirando con il suo fascino l’attenzione di Chloe, che ne rimane immediatamente ammaliata. Dalla relazione con Chloe, Chris entra inevitabilmente nelle grazie del padre di lei, che lo fa entrare a lavorare in una delle più importanti società londinesi. Tom invece, è fidanzato con la vulnerabile e incantevole Nola ( interpretata dalla conturbante e sexy Scarlett Johannson), attrice principiante alla ricerca del successo. Fin qui tutto bene. Quando però Chris vede per la prima volta Nola rimane talmente incantato dalla bellezza quasi indifesa di lei, che non può far a meno di farsi travolgere da una passione, che per buone ragioni, deve rimanere clandestina ( la scena del primo incontro, che si esplica in uno scontro a pin pong, rimane a mio parere non solo la scena più bella del film ma oserei dire una delle scene piu sexy della storia del cinema). Il bello deve ancora venire però non voglio anticiparvi nient’altro.

Il tema che viene affrontato nel film è classico come la musica lirica che fa dà sfondo al film, e si concretizza nel dubbio interiore che Chris deve risolvere con una scelta: scappare con il vero amore ed abbandonare Chloe (a cui vuole bene ma non ama) e con questa decisione rinunciare a tutti i privilegi compresi i tè alle quattro del pomeriggio, oppure rinunciare al vero amore ed alla passione per condurre una vita più che benestante da lui tanto desiderata e finalmente raggiunta? L’altro tema affrontato nel film prettamente filosofico (che peraltro si rifà alla filosofia di Woody Allen) è quello della fortuna. Un tema che viene affrontato direttamente dal personaggio principale in una discussione: quanto peso ha la fortuna sulla nostra vita? “Da varie ricerche molti studiosi hanno dedotto che la fortuna ha un influenza sulle nostre vite molto più alta di quanto pensiamo”.

Ed è nel finale che ci ricordiamo della massima che fa d’apertura al film: se la pallina non supera la rete si perde la partita, se sbatte sul bordo superiore della rete e passa, si vince proprio al match point. E solo questione di fortuna! Però questa metafora del match point, che simboleggia appunto quanto la fortuna possa influenzare se non addirittura determinare la nostra vita e farci vincere la partita, viene inglobata da una fortuna superiore che io chiamerei con un termine più generale: il caso. Poiché il film nel finale ci invita alla seguente domanda: siamo sicuri che la pallina da tennis che supera la rete sia un fattore necessariamente positivo Il finale è ironico e tragico nello stesso tempo: allo spettatore non rimane che un smorfia divertita e amara sul viso; una smorfia che è lo specchio di una riflessione desolante e disillusa verso la vita.

Voto Park Kaos: 7

Voto Brucewoland: 8

Info Film:

USA-Gran Bretagna 2005 regia di Woody Allen con Scarlett Johansson, Jonathan Rhys-Meyers, Brian Cox, Emily Mortimer durata: 124 min Drammatico