Menu

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Loading

Fratelli (A. Ferrara)

fratelli locandinaIn tempi in cui il termine "famiglia"è sulla bocca di tutti, divenuto "status symbol" della pochezza cognitiva dei nostri tempi, il film "Fratelli" di Abel Ferrara riporta l'essenza della famiglia, delle spinte che la costituiscono, delle forza che la plasmano, dei desideri che spingono a ritrovarsi continuamente in questo nucleo primario.

Il film si apre con il corpo cianotico di un ragazzo ucciso; attorno la sua famiglia malvitosa, i suoi affetti lacerati e rabbiosi, i drammi che si rifletteranno a breve su di esso. Ferrara propone la morte all'inizio, come elemento centrale nella sua essenza carnale; e subito a cascata flashback, ricordi, spezzoni di vita, istantanee che mostrano come la famiglia Tempio è costituita, come formula se stessa nel quotidiano, il modo in cui vive i dissapori interni e gli attriti che continuamente lacerano i legami di sangue, di sesso, di convenienza.

"Fratelli" è il certificato di nascita, di matrimonio e di morte della famiglia. Si capisce perché in essa si ritrovano tutte le emozioni possibili, perché famiglia diventa malattia, perché con essa spinta d'amore e spirito di morte diventano un tutt'uno. Questo excursus avviene grazie all'utilizzo di codici binari costanti e lapidari, che partono dal sacro/profano, fino ad arrivare a quello della concezione di vita e morte nell'ambito familiare, fino all'amore come elemento complementare al rispetto e alla vendetta come parte integrante del domani.

In questo contesto di doppiezza, nel quale la scelta obbligata è cardine per il proseguo dell'equilibrio familiare, i vari protagonisti diventano una sola essenza, le loro manie si fondono in un unico personaggio, le diversità caratteriali vengono assorbite e plasmate da questo imperativo di prendere scelte per dar senso ai propri legami.

Ferrara dà prova che l'analisi di pezzi fondanti della società non può che passare dalle emozioni estreme, dagli impulsi più beceri, dalle dinamiche più complesse. E "Fratelli" è l'essenza di questa rappresentazione, ponendosi come pietra angolare del Cinema drammatico degli ultimi decenni.

Voto: 8

Info film:

regia di Abel Ferrara USA 1996 Con Christopher Walken, Annabella Sciorra, Isabella Rossellini, Vincent Gallo, Chris Penn Titolo originale The Funeral durata 103 min Drammatico